Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 19 Agosto 2018, ore 10.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tasse locali, che mazzata: nel 2017 2.066 euro a famiglia

In totale sono costate 47 miliardi. A Roma la famiglia tipo ha versato oltre 3mila euro, a Milano 2.571 euro: il dato calcolato dalla Uil

Economia ·
(Teleborsa) - 47 miliardi di euro: a tanta ammontano imposte e tasse locali (regionali e comunali), pagate dai cittadini e contribuenti, nel 2017. E' quanto emerge da un'analisi del servizio Politiche territoriali della Uil sull'andamento delle tasse locali nel 2017. Insomma, una vera e propria mazzata.

2.066 euro a famiglia nel 2017 - "Nello specifico - spiega Guglielmo Loy, segretario confederale Uil che chiede di rivedere il sistema alla radice - per l'Imu o Tasi i Comuni, ma anche lo Stato Centrale (Imu sui capannoni) hanno incassato 20,7 miliardi di euro (17,1 miliardi di euro i comuni e 3,6 miliardi di euro lo Stato centrale). Per le Addizionali Regionali Irpef il gettito è stato di 12,4 miliardi di euro; per l'Irpef Comunale si sono incassati 4,8 miliardi di euro; per la Tassa Rifiuti 9,1 miliardi di euro". "Mediamente - aggiunge Loy - nell'ultimo anno la famiglia campione ha pagato 2.066 euro di tasse locali. In particolare, per l'Imu o Tasi, per immobili diversi dalla prima casa, l'esborso medio è stato di 814 euro; per le Addizionali Regionali Irpef mediamente l'esborso è stato di 726 euro; per le Addizionali Comunali Irpef 224 euro; per la Tari 302 euro.


QUANTO PAGHIAMO CITTA' PER CITTA' - A Roma, la famiglia oggetto del campione ha pagato 3.028 euro; a Torino 2.993 euro; a Genova 2.778 euro; ad Alessandria 2.724 euro; a Napoli 2.684 euro; a Salerno 2.676 euro; a Benevento 2.650 euro; a Pisa 2.684 euro; a Biella 2.692 euro; a Milano 2.571 euro. Cifre più contenute a Oristano (1.368 euro); a Gorizia (1.394 euro); a Bolzano (1.464 euro); a Sassari (1.528 euro); a Macerata (1.546 euro)".


"A livello di singole tasse - aggiunge Loy - per l'Imu o Tasi a Roma si sono pagati 1.563 euro medi; a Milano 1.333 euro; a Torino 1.321 euro; a Bologna 1.277 euro; a Genova 1.232 euro. Per l'Irpef Regionale, in Piemonte, la famiglia campione ha pagato 1.041 euro; in Campania 893 euro; in Molise 878 euro; in Liguria 855 euro; nel Lazio, in Abruzzo, Calabria e Sicilia 761 euro.

ROMA, A TUTTA IRPEF - E' Roma la città dove si paga l'Irpef comunale più alta con 396 euro, mentre in 51 città, tra cui Bologna, Ancona, Campobasso, Genova, Napoli, Palermo, Perugia, Reggio Calabria, Torino e Venezia si pagano 352 euro.

IL BLOCCO DEGLI AUMENTI DELLE ALIQUOTE - "Negli ultimi due anni la pressione fiscale a livello locale è diminuita grazie all'eliminazione dell'Imu o Tasi sulla prima casa, mentre le altre imposte sono rimaste stabili grazie all'auspicato blocco delle aliquote. Bisogna approfittare - commenta Loy - del blocco degli aumenti delle aliquote per riprendere il cammino interrotto e completare il quadro della finanza locale, nell'ambito più complessivo del riordino fiscale nazionale".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.