Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 16 Novembre 2018, ore 23.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Migranti, Governo: non accettiamo lezioni ipocrite dalla Francia

Il Governo italiano non ha mai abbandonato i passeggeri Aquarius

Politica ·
(Teleborsa) - "Il governo italiano non ha mai abbandonato le quasi 700 persone a bordo dell'Aquarius". Lo precisa Palazzo Chigi in una nota, dopo le numerose e pesanti dichiarazioni dei leader europei sul comportamento dell'Italia, nato dalla necessità di mettere in risalto il grosso problema dell'immigrazione che il Bel Paese sta affrontando tutto da sola.
Per citarne una, il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di "una forma di cinismo e di irresponsabilità" da parte dell'Italia nel caso della nave Aquarius.

"La nave è stata sin da subito affiancata da 2 motovedette che hanno offerto tutto il supporto necessario - spiega l'Esecutivo - . Preso atto del rifiuto di Malta a collaborare e a permettere lo sbarco delle persone, abbiamo accolto un inedito gesto di solidarietà arrivato dalla Spagna. Lo stesso gesto non è arrivato invece dalla Francia, che anzi ha più volte adottato politiche ben più rigide e ciniche in materia di accoglienza", puntualizza il comunicato del Governo, sottolineando che "le dichiarazioni intorno alla vicenda Aquarius che arrivano dalla Francia sono sorprendenti e denunciano una grave mancanza di informazioni su ciò che sta realmente accadendo. L'Italia non può accettare lezioni ipocrite da Paesi che in tema di immigrazione hanno sempre preferito voltare la testa dall'altra parte".

"La migrazione mette in pericolo il progetto europeo - ha dichiarato il commissario europeo, Dimitris Avramopoulos - . Occorre che gli Stati si prendano le loro responsabilità". "Non dobbiamo permettere che la migrazione sia più un elemento divisivo".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.