Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 25 Settembre 2018, ore 09.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Crollo ponte Genova, si cerca ancora. Brencich: "Rottura strallo ipotesi seria di lavoro"

La Procura sequestra due tronconi restanti del viadotto

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - La rottura di uno strallo "è un'ipotesi di lavoro seria". Lo afferma Antonio Brencich, docente dell'università di Genova e membro della commissione dei Trasporti e delle Infrastrutture che deve accertare le cause del crollo, rispondendo ai giornalisti a Genova dopo aver fatto un breve sopralluogo nella zona del ponte crollato. "La voce che gira è che il collasso sia stato attivato dalla rottura di uno strallo ci sono testimonianze e video che vanno in questo senso", ha aggiunto Brencich che tuttavia non è entrato nel merito del lavoro della commissione.

Intanto la squadra mobile delegata dalla Procura ha eseguito il sequestro dei due tronconi dell'autostrada rimanenti del ponte Morandi.

Sono passati tre giorni dal crollo del ponte Morandi a Genova ed ancora si continua a scavare sotto le macerie mentre si affievoliscono le speranze di trovare altri superstiti. Mancano all'appello circa una ventina di persone. Finora il bilancio ufficiale è di 38 morti, tra i quali 3 bambini. Una decina, invece, i feriti ricoverati in ospedale.

Poi ci sono gli sfollati e quei pochi minuti avuti a disposizione per mettere in una valigia tutta una vita. Dopo la disgrazia, la disperazione, perché in quelle case, le loro case, non ci sarà più la possibilità di tornarci. Con la demolizione del ponte, infatti, saranno buttate giù anche le case e i palazzi dovevano oltre 300 famiglie.


MINISTERO: VERIFICA SPETTA A CONCESSIONARIO
"Qualsiasi verifica strutturale sulle opere in concessione" è compito "del concessionario". Lo precisa il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture in una nota in cui sottolinea che "i controlli del concedente sono prioritariamente rivolti all'ottemperanza degli obblighi convenzionali". Con l'istituto della concessione, "lo Stato demanda ad un soggetto terzo, concessionario, le competenze legate alla gestione e manutenzione dell'infrastruttura che vengono esercitate sulla base di una specifica organizzazione e con disponibilità di uomini e mezzi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.