Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 12 Novembre 2018, ore 22.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Brexit, Johnson: "Piano May per accordo Ue non rispetta il voto"

Lo ha dichiarato l'ex ministro degli Esteri al Congresso del Partito Conservatore a Birmingham

Economia ·
(Teleborsa) - Il piano varato dal Premier Theresa May per un accordo con l'Ue sulla Brexit "non è ciò per cui abbiamo votato", non rispetta "la democrazia". A parlare Boris Johnson al Congresso Tory di Birmingham. Si tratta di un piano che "non ci restituisce il controllo" dei confini, dei soldi e delle leggi, come era stato promesso, ma che ci costringe a "cedere il controllo" a Bruxelles anche uscendo dall'Ue, ha spiegato l'ex ministro degli Esteri e e due volte sindaco di Londra, dicendo un chiaro e secco no a "un secondo referendum" sulla Brexit.

"Non scimmiottiamo il Labour di Corbyn (Leader del Partito Laburista) celebriamo la forza del capitalismo, abbassiamo le tasse, difendiamo la legge e l'ordine". In poche parole, è questo quello che Boris Johnson ha detto davanti alla platea dei conservatori.

Intanto, il premier Theresa May ha cominciato a mettere a punto la legislazione sulla politica migratoria da applicare una volta chiusi i confini dell Gran Bretagna. L'obiettivo rimane quello di far entrare solo lavoratori altamente qualificati. Turisti e uomini d'affari avranno controlli diversi a seconda del Paese di origine.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.