Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 16 Novembre 2018, ore 06.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE, tensioni guerra commerciale minano crescita zona euro

L'Eurotower: effetti "molto limitati" su altri Paesi da volatilità titoli di Stato italiani

Economia ·
(Teleborsa) - Dai verbali della Banca Centrale Europea, sulla riunione del 12-13 settembre scorso, emerge un sentimento di preoccupazione del board relativamente alla crescita della zona euro, complici le rinnovate tensioni sul commercio mondiale.

I policymaker hanno, tuttavia, riconosciuto che l'economia interna mostra una notevole resilienza, quindi i rischi per la crescita restano "bilanciati". Il consiglio conferma quindi la propria forward guidance che prevede acquisti di bond per 15 miliardi di euro al mese fino a dicembre, fine del Quantitative Easing al 31 dicembre 2018 e tassi fermi sui livelli attuali fino ad almeno l'estate 2019.

Rimanere pazienti, prudenti e persistenti per quanto riguarda la politica monetaria rimane essenziale e questo nonostante un aumento dei rischi economici derivanti "dalla minaccia del protezionismo, da elementi di vulnerabilità nei mercati emergenti e dalla volatilità dei mercati finanziari", si legge nelle minute dell'Eurotower.

Per quanto riguarda la valutazione della congiuntura macro, i governatori hanno condiviso la valutazione del capoeconomista Peter Praet secondo cui nonostante un rallentamento rispetto al quarto trimestre 2014, la crescita rimane diffusa per paesi e settori e ancora sopra il potenziale.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.