Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 16 Novembre 2018, ore 06.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, Consiglio dei Ministri terminato. Conte: via libera a dl fiscale e legge di bilancio

Intanto Di Maio annuncia su Facebook: "Galera per gli evasori"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Semaforo verde del Consiglio dei ministri alla manovra per il 2019. Il Cdm ha dato l'ok anche al dl fiscale e al dl taglia-scartoffie. Lo ha riferito il premier, Giuseppe Conte, nel corso della conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri. "Questa sera - ha aggiunto Conte - manderemo la comunicazione a Bruxelles entro le 24".

Giornata ad altissima tensione con un occhio rivolto all'orologio: entro la mezzanotte di oggi il governo deve inviare a Bruxelles il documento programmatico di bilancio che contiene le previsioni macroeconomiche e le principali voci della manovra. Intanto, Luigi Di Maio affida il suo pensiero a Facebook in un lungo post dove riassume i punti salienti e le misure della manovra che definisce "la manovra del popolo".

Ragazzi, scrive il leader pentastellato, la Manovra del Popolo si sta concretizzando sempre di più ogni minuto che passa. Tra poco il consiglio dei ministri approverà i decreti che saranno inviati in Parlamento e che contengono tantissime importanti misure che sono nel contratto di governo.

GALERA PER GLI EVASORI - "Prima di tutto ci siamo accordati sul fatto che per gli evasori ci sarà la galera. Ci sarà la pace fiscale per aiutare chi non ce la fa con le cartelle Equitalia, ma non ci sarà nessun salvacondotto per chi evade. C'è un nuovo intero decreto che taglia un sacco di scartoffie: decine di leggi inutili e cento adempimenti che complicano la vita agli imprenditori. Abbiamo sancito che se una persona ha crediti con la pubblica amministrazione, non gli può essere pignorata la casa (grazie Sergio Bramini!). Le assicurazioni RC auto saranno eque finalmente, perchè in alcuni posti si pagava davvero troppo. Abbiamo pensato anche alla sanità, ad aggredire le liste di attesa scoraggiando i medici che facevano allungare l'attesa dei pazienti per fare delle visite nel loro studio privato anzichè nel pubblico. Vi confermo anche che le pensioni d'oro saranno solo un ricordo e risparmiamo un miliardo di euro che sarà proprio una copertura nella legge di bilancio per queste misure".

LA MANOVRA DEL CAMBIAMENTO - Ovviamente, non manca più di qualche frecciatina ai predecessori. "Queste cose non le avevano mai fatte perchè dovevano usare miliardi per gli interessi loro e dei loro amici, usavano i vostri diritti come copertura per i loro privilegi. Noi facciamo il contrario: stiamo usando i loro privilegi come copertura per i vostri diritti. Se non è cambiamento questo! Questa non è una semplice manovra, è un Nuovo Contratto Sociale che lo Stato stipula con i cittadini. Vengono ristabiliti diritti che erano stati calpestati, vengono eliminati privilegi che erano stati dati per scontati e vengono fatti investimenti che si aspettavano da decenni. Da qui non si torna più indietro. Da oggi possiamo solo andare avanti".

E CITA ROOSEVELT - L'ultimo passaggio del leader pentastellato è una esortazione a non aver paura del cambiamento che sta per arrivare. E ha aggiunto: "Non fatevi fregare da chi vuole terrorizzarvi per il proprio tornaconto personale o di partito. L'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa. Lo disse il presidente americano Roosevelt il 4 marzo 1933, ripetiamolo tutti insieme anche oggi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.