Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 17 Dicembre 2018, ore 02.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, fonti Lega: "C’è l'accordo su pace fiscale". Al via Consiglio dei Ministri

Entro la mezzanotte di oggi il governo deve inviare a Bruxelles il documento programmatico di bilancio che contiene le previsioni macroeconomiche e le principali voci della manovra

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Dopo una giornata ad altissima tensione a Palazzo Chigi e diverse fumate nere, Lega e M5s hanno trovato l'intesa sul Decreto fiscale.

Fonti della Lega, infatti, anticipano che l'accordo raggiunto tra i due principali azionisti di governo prevede la possibilità di "sanare il pregresso, con percentuali variabili, per i contribuenti che hanno presentato dichiarazione dei redditi". Nella pace fiscale sarà prevista la possibilità di "dichiarazione integrativa, che esiste già, ma con la possibilità di integrare fino ad un massimo del 30% in più rispetto alle somme già dichiarate con un tetto massimo di 100.000 euro". "Abbiamo ottenuto nessun salvacondotto per gli evasori", fanno sapere fonti vicine al vicepremier Luigi di Maio. Inoltre, a copertura della legge di bilancio arriverà dal taglio delle pensioni d’oro un miliardo in tre anni.

QUOTA 100 A FEBBRAIO -
Nell'incontro è stato anche stabilito che la riforma della Fornero con "quota 100" partirà a febbraio.

Al via un secondo decreto "taglia leggi inutili" - Nasce inoltre un secondo decreto,
che scorpora dal dl fiscale norme su diversi temi. Lo dicono fonti vicine al leader M5s Luigi Di Maio. Il dl, precisano, sarà un "taglia scartoffie e leggi inutili, con oltre 100 adempimenti in meno per le imprese". Ci saranno: norme per garantire una Rc auto più equa una norma sui commissariamenti della sanità per non "avere più casi De Luca", lo stop ai pignoramenti della casa per chi ha crediti verso la P.a. e una norma "contro i medici furbetti che aumentano lista di attesa per l’intramoenia".

Salvini: mantenute promesse - "Dopo averlo dimostrato sull'immigrazione e la sicurezza, anche su temi economici continuiamo a mantenere le promesse con gradualità e coraggio. Fornero, flat tax, Equitalia: anche su questi temi siamo il cambiamento".
Lo ha detto il vicepremier della Lega, Matteo Salvini, al termine del summit con il premier Conte e i ministri Tria e Di Maio.

CONSIGLIO DEI MINISTRI AL VIA - Con due ore di ritardo rispetto alla tabella di marcia, dunque, si è riunito il Consiglio dei ministri convocato per il varo del decreto fiscale e per l'approvazione della legge di bilancio. Entro la mezzanotte di oggi il governo deve inviare a Bruxelles il documento programmatico di bilancio che contiene le previsioni macroeconomiche e le principali voci della manovra.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.