Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 22 Maggio 2019, ore 15.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Rating Italia, attesa per verdetto Standard & Poor's

Intanto, Bloomberg vede nero: "Lo Stivale rischia una crisi finanziaria nei prossimi mesi"

Economia ·
(Teleborsa) - Giornata d'attesa in vista del verdetto degli analisti di Standard and Poor's sul rating dell'Italia. Il Report degli esperti, infatti, sarà diffuso nella giornata di oggi, venerdì 26 aprile, dopo la chiusura di Borsa Italiana, in linea con le nuove regole in materia di revisioni di rating che impongono che gli aggiornamenti siano resi noti di venerdì e solo dopo la chiusura dei mercati.

BLOOMBERG VEDE NERO - Nella giornata del Sabato Santo, intanto, arriva l'alert di Bloomberg che ha pubblicato un editoriale a firma dell’articolista Marcus Ashworth che fa il punto sulla condizione economica del nostro Paese: "Tutti sappiamo che la prossima crisi in Italia è in arrivo, è semplicemente una questione di quando".

"CRISI IN ARRIVO" - E ancora: "Il deficit di bilancio sta deragliando fuori controllo, e a un certo punto Bruxelles dovrà intervenire per far fronte alla sempre più probabile violazione delle sue regole fiscali".

Tradotto: lo scontro tra Italia e Commissione UE al momento addormentato è pronto a risvegliarsi con maggior vigore di prima con Bruxelles che di certo ha mal digerito più di una mossa da parte di Roma.

NON E' ANCORA EMERGENZA, MA INVESTITORI SI RIPOSIZIONANO - I mercati sono alla finestra, prosegue Bloomberg. I bond a 10 anni "sono stati molto popolari quest'anno, ma i rendimenti sono aumentati nelle ultime settimane". L'Italia non è ancora in zona d'emergenza, ma gli investitori "si stanno posizionando per quello che viene considerata un'inevitabile riedizione dello scontro fra Bruxelles a Roma, che spinse i rendimenti sulle obbligazioni a 10 anni sopra il 3,5%"
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.