Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Giugno 2019, ore 09.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Di Maio: su manovra faremo ciò che serve, dialogo con Ue

No a flat tax fatta aumentando l'IVA. No rimpasto, ma riorganizzazione

Economia ·
(Teleborsa) - "Noi andiamo in Europa per difendere proprio gli italiani. Ovviamente avremo un atteggiamento responsabile, ma vogliamo farci rispettare. L'UE ha sbagliato in passato, soprattutto con le politiche d`austerità, adesso serve un cambio di marcia. Nessuno si metta in testa di tagliare i servizi agli italiani perché noi questo non lo permetteremo". Lo ha affermato il vicepremier e ministro Luigi Di Maio in un'intervista al Corriere della Sera a proposito della manovra e il braccio di ferro con la UE.

"Il nostro obiettivo è abbassare le tasse - ha proseguito - ed è quello che faremo. Stiamo programmando una serie di tavoli per approfondire bene il tema. In questi giorni sto sentendo tante cose e non vorrei che qualcuno pensasse di fare la flat tax aumentando l'IVA o dicendo di no alle detrazioni per le famiglie. Lo dico chiaramente: questo non lo permetterò. Sull'IVA c`è poco da discutere: non aumenta. L`avevo già promesso una volta e così è".

Per quanto riguarda il commissario UE, Di Maio ha riferito che "ancora nulla è deciso, anzi non è stato ancora discusso". Di "Giorgetti lo scrivete voi" e "ad oggi non è arrivata nessuna richiesta ufficiale dalla Lega. Ad ogni modo l'importante è che l`Italia abbia un nome di alto profilo con un portafoglio come quello del bilancio o della concorrenza".

Infine, sul rimpasto di governo i cui si parla dopo l'esito delle ultime elezioni europee, il leader del M5S vuole mettere "la parola fine" a questo argomento "dopo due settimane di dialogo ritrovato con la Lega".

"La riorganizzazione - ha detto - è doverosa ed è tra le nostre priorità: ripartire dal territorio valorizzando i cittadini. L'ottica è
quella di una maggiore partecipazione e condivisione, anche per questo sono stati organizzati gli incontri tra parlamentari e
sottosegretari. Non ci trovo nulla di male, anzi".

"Ho visto personalmente Beppe (Grillo ndr) nei giorni scorsi. E poi ci sentiamo. Abbiamo condiviso l'idea di una evoluzione del
Movimento senza abbandonare mai le nostre 5 stelle. La soluzione non è tornare alle origini ma guardare al futuro dell'Italia tra
20 anni", ha concluso Di Maio.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.