Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 23 Ottobre 2019, ore 13.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fisco, Confedilizia: "Sì a fusione Imu-Tasi"

L'associazione, insieme a Rete Imprese Italia, chiede al governo di "ridurre il livello di tassazione sugli immobili e di superare alcune palesi iniquità"

Economia ·
(Teleborsa) - Sì all'unificazione di Imu e Tasi, ma soprattutto sì a una generale riduzione del livello di tassazione sugli immobili e il superamento di alcune "palesi iniquità". È quanto emerso a seguito del ciclo di audizioni alla Camera sulle proposte di unificazione di Imu e Tasi tenute da Confedilizia e Rete Imprese Italia.

"Oltre a sollecitare il superamento dei moltiplicatori Monti, nella sua audizione della scorsa settimana Confedilizia aveva indicato alcune priorità", ha ricordato il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa.

Tra i provvedimenti ci sono "il mantenimento di una componente legata ai servizi, ritenuto indispensabile anche dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti - è stato lo stesso sottosegretario al Mef Bitonci a dire che la nuova Imu 'deve essere una tassa sui servizi'-; l'eliminazione della tassazione degli immobili inagibili o inabitabili e di quelli sfitti dopo che il vicepremier Salvini aveva preannunciato questa misura almeno per i negozi, che in qualche caso scontano anche l'Irpef (per quelli occupati abusivamente, invece, la giurisprudenza ha già iniziato a sancire la non tassabilità); il superamento della discriminazione delle abitazioni di categoria catastale A/1, A/8 e A/9; un ampliamento delle ipotesi di deducibilità dalle imposte sui redditi".

"Naturalmente - conclude Spaziani Testa - qualsiasi riduzione del carico fiscale deve essere stabilita per legge e non lasciata alla buona volontà dei Comuni. Altrimenti, siamo da capo".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.