Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 22 Settembre 2019, ore 15.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Governo, Salvini ha aperto di fatto la crisi

"Restituiamo velocemente la parola agli elettori", ha dichiarato il vicepremier

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c'è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori", con questa nota il vicepremier Matteo Salvini ha aperto ufficialmente la crisi di Governo. "Inutile andare avanti a colpi di NO e di litigi, come nelle ultime settimane, gli Italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di "Signor No. Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni".

Questo è quanto Salvini ha riferito a Conte durante il vertice a Palazzo Chigi, durato più di un'ora. In giornata Roberto Fico, Presidente della Camera, è salito al Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che già in mattinata aveva ricevuto il premier Conte.

"L'Italia ha bisogno di certezze e di scelte coraggiose e condivise, inutile andare avanti fra no, rinvii, blocchi e litigi quotidiani - scrive la Lega in una nota - . Ogni giorno che passa è un giorno perso, per noi l'unica alternativa a questo Governo è ridare la parola agli italiani con nuove elezioni".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.