Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 23 Ottobre 2019, ore 14.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Azimut scommette sul risparmio per finanziare l'economia reale

Intervista all'Amministratore delegato di Azimut, Paolo Martini, che ha parlato dell'evento Azimut libera impresa Expo e dell'iniziativa volta a raccogliere il risparmio della clientela retail per canalizzare i finanziamenti verso le PMI

Economia ·
(Teleborsa) - Paolo Martini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding, una della più importanti società di gestione del risparmio, in un'intervista a Teleborsa parla tra l'altro della due giorni che si terrà a Milano il 29 e 30 ottobre, Azimut Libera Impresa Expo, il cui obiettivo è quello di rendere gli investimenti in economia reale alla portata di tutti. Un'apertura sempre più netta al mondo delle 150 mila piccole imprese italiane.

Martini sottolinea due importanti vantaggi per l'accesso a questi prodotti di risparmio alla cosiddetta clientela normale. Il primo è quello di remunerare il risparmio in un periodo di tassi a zero, il secondo è aiutare le aziende italiane a dare anche nuove forme di accesso al capitale, sia di debito che di credito, per poter crescere come la Francia, l'Inghilterra e gli Stati Uniti. "Questo - sottolinea l'amministratore delegato di Azimut - vuol dire spostare una parte dei soldi che ad oggi sono su attività improduttive, sui conti correnti o su titoli di stato, a nuove formule che aiutino le imprese".


Per darvi un'idea - spiega - "se l'1% della ricchezza complessiva degli italiani si spostasse sull'economia reale vorrebbe dire spostare 92 miliardi di euro e quindi sostenere in maniera diversa le imprese, facendole crescere e creando anche nuovi posti di lavoro".

Riguardo ai pericoli dovuti a venti di guerra, economia in frenata o in stallo, insomma, a fenomeni di instabilità, la ricetta di Azimut è innanzitutto chiedere consiglio a persone esperte, secondo diversificare al massimo, terzo informarsi, poiché una certa educazione finanziaria è fondamentale, quarto avere un orizzonte temporale adeguato, quinto in un periodo di tassi zero diversificare puntando su investimenti alle imprese.

Riguardo alla green economy, Martini ritiene che l'industria finanziaria può svolgere un'azione importante veicolando i soldi su chi produce meno inquinamento, e su chi presta più attenzione ai temi ambientali. Ma conclude Martini "molto, sta nella voglia di cambiamento del singolo cittadino".

di
Dino Sorgonà
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.