Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 15 Dicembre 2019, ore 02.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

PIL, Moody's: crescita globale rallenta, ma niente recessione. Italia debole

Risultati deludenti da Reddito di cittadinanza. Scenario politico più stabile

Economia ·
(Teleborsa) - "La crescita globale rimarrà debole nei prossimi due anni" ma "non prevediamo che l'economia mondiale entrerà in una recessione nel 2020 o nel 2021". E' quanto rileva l'agenzia Moody's nel Global Macro Outlook 2020-21, sottolineando che in Italia, dove si registra "un'economia stagnante dal secondo trimestre 2018", la crescita "rimarrà bassa e significativamente più debole rispetto alla maggior parte degli altri paesi dell'area dell'euro" con "un magro +0,2% quest'anno, seguito da un tiepido +0,5% nel 2020 e dal +0,7% nel 2021". Tuttavia, secondo l'Agenzia di rating a sostenere la ripresa "per quanto lenta" della nostra economia sarà "un ambiente politico più stabile, il mantenimento della dinamica positiva nell'area dell'euro e un un mix di politiche monetarie e fiscali di sostegno".

Moody's ricorda l'aumento del costo del finanziamento del debito pubblico e l'incertezza politica durante il governo Lega-M5S e sottolinea nel contesto attuale "una riduzione dell'incertezza politica e condizioni di finanziamento più favorevoli" che "dovrebbero aiutare l'attività economica". L'Agenzia punta poi l'indice sul Reddito di Cittadinanza, iniziativa "fiore all'occhiello del Movimento Cinque Stelle" che "contribuirà meno del previsto alla crescita dei consumi" dal momento che il numero di assegni erogati e il loro importo "sono stati inferiori alle aspettative iniziali". A caratterizzare lo scenario, una domanda interna che "rimane debole, ad eccezione degli investimenti, aumentati del 2,4% nella prima metà del 2019" anche se "la crescita costante dell'occupazione fornirà sostegno ai consumo delle famiglie".

Nel complesso, per quanto riguarda l'economia mondiale, Moody's segnala come "l'attuale contesto sia caratterizzato da una crescita strutturalmente bassa, debole inflazione e spazio fiscale limitato, il che rende l'economia globale più vulnerabile agli sviluppi negativi". L'Agenzia mantiene le sue previsioni "sostanzialmente invariate" con i paesi del G20 in crescita del 2,6% nel 2020, lo stesso livello del 2019 e stima che continuerà la "decelerazione" delle due maggiori economie, gli Stati Uniti e la Cina, fino al 2020. Per il G20 accelerazione nel 2021 a +2,8%, che sarà comunque al di sotto del livello medio negli ultimi decenni. Le economie emergenti si stabilizzeranno o addirittura accelereranno nel 2020 e nel 2021. Il maggior rischio per l'outlook globale, secondo Moody's, potrebbe essere un'eventuale escalation delle controversie commerciali.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.