Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 11.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Legge elettorale, slitta a domani decisione Consulta sul referendum

Salvini: "Mi auguro che giudici diano parola a popolo"

Politica ·
(Teleborsa) - Slitta a domani, giovedì 16 gennaio, la decisione della Corte costituzionale sull'ammissibilità del referendum sulla legge elettorale, presentato da 8 Regioni (Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Abruzzo, Basilicata e Liguria).

Il quesito chiede l'abrogazione delle norme sulla distribuzione proporzionale dei seggi per trasformare l'attuale sistema elettorale in un maggioritario puro.I 15 giudici costituzionali stanno ascoltando le ragioni dei due opposti schieramenti: quelle delle otto regioni vengono esposte dagli avvocati Mario Bertolissi e Giovanni Guzzetta, mentre i motivi di chi si oppone al via libera al referendum vengono espressi dall'avvocato Felice Besostri .

"Mi aspetto che gli italiani possano scegliere, possano votare, che non venga loro sottratto questo strumento di democrazia che è il referendum. Perché la legge elettorale non può essere chiusa in due stanze fra tre partitini che vogliono tornare al proporzionale per salvare la poltrona. Mi auguro che la consulta dia la parola al popolo", ha detto Matteo Salvini, parlando a Bologna, a proposito dell'attesa decisione della Corte Costituzionale sul referendum proposto dalla Lega sulla legge elettorale.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.