Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 12.11
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fisco, CNA: semplificazione priorità per favorire la crescita

Economia ·
(Teleborsa) - "La semplificazione del sistema fiscale sulle imprese è tra le priorità per favorire la crescita economica". Lo afferma la CNA che ha presentato una serie di proposte in occasione della prima riunione del tavolo per la semplificazione del fisco alla presenza del Ministro della Funzione Pubblica Fabiana Dadone e del Capo di Gabinetto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, Luigi Carbone.

CNA rileva che "il sistema fiscale italiano resta ancora troppo complicato nonostante alcuni tentativi di riforma. E' necessario ridurre i pesanti oneri burocratici che gravano sulle imprese". Le proposte presentate dalla CNA si articolano in due direzioni: interventi di sistema e misure di semplificazione che possono essere varate rapidamente.

Più in dettaglio, CNA sollecita il riordino in testi unici di tutte le disposizioni fiscali per tipologia di soggetto; la stabilità nelle disposizioni che impongono gli adempimenti fiscali; la concreta non retroattività delle disposizioni tributarie e la "Costituzionalizzazione" dello Statuto del contribuente; il divieto di introdurre oneri burocratici a seguito dei controlli fiscali senza che sia posta in essere alcuna valutazione di efficacia dei diversi provvedimenti.

Nella prospettiva di un "fisco amico" CNA inoltre ha presentato alcune misure che possono essere adottate rapidamente. Tra queste - si legge nella nota ufficiale - l'abrogazione di tutti gli adempimenti diventati superflui, la cancellazione dell'Irap compensando le minori entrate tramite l'istituzione di una imposta addizionale all'IRES, l'esonero dall'obbligo di memorizzazione elettronica dei corrispettivi per gli imprenditori che operano presso l'abitazione del cliente o in forma ambulante; la revisione del decreto fiscale in materia dell'obbligo di versamento in modo distinto delle ritenute fiscali operate sulle ore lavoro dei dipendenti utilizzati per l'esecuzione di ogni singolo appalto.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.