Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 17 Febbraio 2020, ore 23.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Elezioni in Emilia Romagna e Calabria, seggi aperti dalle 7 alle 23

Si vota oggi domenica 26 gennaio 2020 in un'unica giornata e lo scrutinio comincerà subito dopo il termine delle operazioni vi voto

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Dalle 7 alle 23 di oggi domenica 26 gennaio 2020 urne aperte per gli oltre 5 milioni di italiani chiamati al voto in Emilia Romagna e Calabria per rinnovare i Consiglio regionali e scegliere i nuovi Presidenti di queste due Regioni. Poco più di 3,5 milioni gli aventi diritto al voto in Emilia Romagna e 1,8 milioni in Calabria. Immediatamente dopo la chiusura delle operazioni di voto inizierà lo scrutinio.

Un test elettorale che esce dai confini regionali e assume un significato che si incrocia con la tenuta della maggioranza e il destino stesso del Governo. Anche se dal Premier Giuseppe Conte a tutti i leader dei diversi partiti dalla maggioranza continua a giungere la rassicurazione che il Governo non cadrà qualunque sia l’esito del voto. Negli ultimi giorni, soprattutto dopo le dimissioni di Luigi Di Maio da leader politico del Movimento 5 Stelle, la questione politica è tornata però alla ribalta, mettendo sotto pressione anche i mercati con un allargamento dello spread Btp-Bund che ha raggiunto i massimi da dicembre, sfiorando la soglia dei 170 punti.

E' certo in ogni caso che se Stefano Bonaccini del Pd non sarà rieletto in Emilia Romagna il Governo giallo-rosso non potrà far finta di nulla. Ne è profondamente convinto Matteo Salvini che va ripetendo coma la vittoria della Lega rappresenterebbe un "avviso di sfratto" per il Conte-Bis. Data per scontata la vittoria del centrodestra in Calabria, gli occhi sono quindi tutti puntati su Bologna dove le previsioni sarebbero sempre praticamente per un testa a testa, anche per la portata simbolica di un’eventuale sconfitta del centrosinistra nella roccaforte rossa per antonomasia.

In Emilia Romagna sono sette gli aspiranti Governatori, sostenuti da 17 liste. La sfida principale è fra Stefano Bonaccini, Presidente uscente e candidato del centrosinistra, e Lucia Borgonzoni, senatrice leghista e candidata del centrodestra. Per il Movimento Cinque Stelle c’è Simone Benini. E poi c'è la galassia della sinistra con candidati che si presentano autonomamente. In Calabria gli aspiranti Governatori sono quattro: Jole Santelli (centrodestra), l’imprenditore Pippo Callipo (centrosinistra), Francesco Aiello (M5S) che può contare anche sull'appoggio della lista "Calabria Civica" e Carlo Tansi appoggiato da tre liste.

Si voterà con un'unica scheda e sarà eletto il candidato Presidente che avrà ottenuto il maggior numero di voti. In Emilia Romagna è possibile il voto disgiunto, ovvero votare un candidato presidente e una delle liste a lui non collegate. In Calabria la Legge elettorale non prevede invece il voto disgiunto e sono ammesse alla ripartizione dei seggi le liste che hanno superato il 4% e le coalizioni di liste che superano l'8%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.