Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Febbraio 2020, ore 07.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia, calano le sofferenze bancarie: - 17,3% sui dodici mesi

In aumento i prestiti al settore privato mentre continua la discesa per quelli alle imprese: leggero aumento dei tassi di interesse

Economia ·
(Teleborsa) - Netto calo delle sofferenze bancarie a dicembre con un -17,3% sui dodici mesi (in novembre la riduzione era stata del 23,5%). È il dato di Bankitalia che emerge dal rapporto "Banche e moneta: serie nazionali": secondo via Nazionale, il calo risente di alcune operazioni di cartolarizzazioni avvenute nell'ultimo anno.

In dettaglio, le sofferenze lorde sono diminuite a 50,1 miliardi contro i 55,2 di novembre e i 55,9 di ottobre, mentre le nette sono calate a 27 miliardi contro i 29 di novembre.

Rallenta invece la crescita dei depositi bancari del settore privato, cresciuti del 5,3% sui dodici mesi rispetto al rialzo 7,6% registrato a novembre. La raccolta obbligazionaria è diminuita dell'1,5% sullo stesso periodo dell'anno precedente contro un aumento del 2,3% in novembre.

Prosegue inoltre il calo dei prestiti bancari alle imprese che, secondo i dati diffusi dalla Banca d'Italia, sono scesi a dicembre dell'1,9% contro il -2% del mese precedente: i prestiti alle famiglie hanno invece accelerato al 2,6% sui dodici mesi (dal 2,3% in novembre).

In leggera salita i tassi di interesse sui mutui alle famiglie, arrivati a dicembre all'1,78% (1,76% in novembre) per l'acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie: quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo si attestano al 7,60%.

I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono stati pari all'1,37% (1,29% in novembre); quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari all'1,85%, mentre quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati all'1,06%. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere infine sono stati pari allo 0,37%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.