Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 3 Aprile 2020, ore 03.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

CNA Roma: allarme Coronavirus, subito misure per aiutare le imprese

Impatto pesante su economia romana già provata da crisi. In Centro 10.000 negozi chiusi per caro affitti

Economia ·
(Teleborsa) - Gli effetti del Coronavirus stanno incidendo "pesantemente" sull’economia romana e in particolare sul turismo, "occorre correre ai ripari il prima possibile. Chiediamo al Governo di mettere in atto delle misure che possano sostenere i settori più colpiti, quali turismo, commercio e ricettività". E' quanto afferma la CNA di Roma.

Il sistema produttivo romano, insieme ad artigiani e commercianti, è fortemente provato dalla crisi: solo nel Centro Storico, sottolinea la CNA, "registriamo 10.000 negozi chiusi, anche a causa del caro affitti. Per questo, torniamo a mettere l’accento sul ripristino della cedolare secca che rappresenterebbe una boccata d’ossigeno per le nostre imprese, adesso più che mai".

In quest’ottica, quindi, prosegue, anche l’estensione della flat tax fino a 100mila euro diventa una misura "da prendere assolutamente considerazione per sostenere l’economia dei nostri territori".

La CNA chiede inoltre, alla Camera di Commercio di Roma di istituire quanto prima un Osservatorio in grado di valutare i reali danni provocati dai mancati arrivi dei visitatori asiatici nella nostra città, da sempre una delle mete più gettonate dal turismo orientale”, commenta il Presidente della CNA di Roma, Michelangelo Melchionno.

I dati pubblicati ieri nel report della banca giapponese Nomura parlano chiaro: considerato il basso tasso di crescita dell’economia italiana, è prevista l’entrata in recessione con un Pil in calo dello 0,01% nel 2020, ma il proseguire degli effetti della crisi da Coronavirus a lungo andare potrebbero rivelarsi davvero disastrosi, con una prospettiva anche di un -0,9%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.