Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 30 Maggio 2020, ore 10.06
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus: obbligo di quarantena per chi rientra in Italia

I ministri dei trasporti e della salute hanno firmato un decreto in vigore fino al 25 marzo

Economia, Politica, Trasporti ·
(Teleborsa) - La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato un decreto, congiuntamente con il Ministro della Salute, che dispone l'obbligo di quarantena per le persone sebbene asintomatiche rispetto al Covid-19, che rientrano con qualsiasi mezzo di trasporto in Italia.

Il decreto, in vigore fino al 25 marzo, prevede l'autoisolamento per i 14 giorni successivi alla data di rientro. Le persone che fanno ritorno nel nostro Paese dovranno presentare una dichiarazione in cui attestino che il viaggio di rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza sia motivato da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, oppure per motivi di salute.

Inoltre, l'ingresso in Italia dovrà essere comunicato obbligatoriamente al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria locale di riferimento. Dall'obbligo di autoisolamento è esonerato chi transita o sosta in Italia per comprovate esigenze lavorative, purché esca dal Paese entro 72 ore dall'ingresso compilando una dichiarazione in cui motiva la sua presenza in Italia e si impegna a segnalare l’eventuale insorgenza di sintomi COVID-19 al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria locale e a sottoporsi ad isolamento.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.