Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 30 Maggio 2020, ore 19.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

FMI taglia stime crescita Italia

Ridotta di un punto percentuale l'espansione nel 2020 a seguito della pandemia da coronavirus

Economia ·
(Teleborsa) - Il Fondo Monetario Internazionale taglia di quasi un punto percentuale le previsioni di crescita sull'Italia sul 2020, indicando ora un recessione dello 0,6% dal +0,5% precedente a seguito della pandemia da coronavirus. Il FMI avverte che le dimensioni di questo calo "potrebbero restare molto incerte per diverso tempo" viste le profonde ricadute dell'emergenza.

Elogio del Fondo alle autorità italiane per la "loro prudente attuazione della politica di bilancio nel 2019 che è stato meglio delle attese" e per i progressi "nel rafforzamento delle banche", ma riconosce che il "bilancio quest'anno peggiorerà" a causa degli effetti del virus.

La crescita a medio termine è prevista intorno allo 0,7 per cento, sebbene - avverte l'istituto di Washington - anche questo dato sia soggetto a incertezza legata alla durata e sull'entità della crisi”.

Per gli anni successivi, il fondo guidato da Kristalina Georgieva stima una leggera ripresa: +0,8% l’anno nel periodo 2021-2023.

Quanto al rapporto debito/PIL salirà al picco del 137% nel 2020 per poi scendere al 136,9% nel 2021 e al 136,2% nel 2022.

(Foto: © Andrej Kaprinay, Ing./123RF)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.