Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 2 Aprile 2020, ore 09.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Sciopero benzinai, Garante chiede revoca

Conte: "Non permetteremo stop ai rifornimenti"

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Arriva nel pieno dell'emergenza coronavirus la protesta dei benzinai con i sindacati di categoria che hanno proclamato a partire da oggi, mercoledì 25 marzo, la chiusura progressiva dei distributori in tutto il Paese - a partire dalla rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali, e, a seguire, tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria - perchè "da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio".

Secco no del Garante sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali che "invita" a revocare subito l'astensione, mentre il Premier Conte ha assicurato che verrà adottata "un'ordinanza in modo da assicurare i rifornimenti nella penisola" perchè "è chiaro che in questo momento dobbiamo presidiare le attività essenziali".

Nel frattempo, la Ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, e il Ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli, hanno annunciato che si sta lavorando a a "intese tra i concessionari e i benzinai" e che i gestori potranno concordare con i concessionari autostradali periodi di apertura alternata. In ogni caso, dovranno essere garantiti, i rifornimenti self-service. L'iniziativa - si legge nella nota rilasciata dal MIT - è rivolta ad assicurare, anzitutto, la mobilità delle merci e del servizio di trasporto che rientra tra quelli di interesse pubblico essenziale.

Le tre sigle sindacali Faib, Fegica e Figisc/Anisa parlano, intanto, di oltre 100.000 persone "letteralmente invisibili" per il Governo che, "senza alcuna menzione, hanno finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone"

"Evitare assolutamente il minacciato blocco": questo l'appello del Vicepresidente di Confcommercio e Conftrasporto Paolo Uggè. Vista situazione di particolarità criticità come quella che stiamo vivendo ormai da giorni, la serrata dei benzinai rischia, infatti, di bloccare completamente il Paese e i rifornimenti di supermercati e negozi di prima necessità.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.