Lunedì 28 Settembre 2020, ore 11.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Recovery Fund, Conte disegna l'Italia del futuro

A Norcia, parlando agli studenti, il Presidente del Consiglio dice: "Se perdiamo la sfida, mandateci a casa"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Come anticipato ieri dal Ministro dell'Economia Gualtieri, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha trasmesso ai Presidenti di Senato e Camera le linee guida per la definizione del piano italiano di ripresa e resilienza per accedere ai fondi previsti dal Recovery Fund. Il documento, a quanto si apprende, è composto da una trentina di pagine. Nella lettera che accompagna il documento Conte manifesta la sua disponibilità a riferire in Parlamento.

"Il piano Next generation UE è un progetto per voi, per restituirvi un Paese migliore", ha detto il Premier, in visita a Norcia, agli studenti: "Se perderemo questa sfida avrete il diritto di mandarci a casa", ha aggiunto.

"L'Italia sta facendo il suo piano nazionale - ha detto ancora Conte - e siamo nella fase avanzata di studio e approfondimento". "E' molto bello che a livello europeo - ha sottolineato il Premier - quando hanno pensato a questo grande piano d'intervento per i Paesi più sofferenti per la pandemia lo hanno chiamato Next generation".

Ieri, intanto, in audizione davanti alle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera sul Recovery Fund, pur senza entrare troppo nei dettagli, il Ministro dell'Economia Gualtieri ha confermato "l'intendimento di conseguire una significativa discesa del rapporto debito/PIL non solo nel primo anno di recupero dell'economia che auspichiamo sia il '21: questa discesa vogliamo che continui anche negli anni successivi onde rientrare gradualmente sui livelli prepandemici e nel lungo termine conseguire una ulteriore riduzione"

La strada è segnata. "Non faremo centinaia di microprogetti ma pochi grandi progetti - ribadisce il Titolare del Tesoro - a loro volta questi saranno anche collegati da una logica a missione, quello che conta non è la logica burocratica del singolo progetto ma l'obiettvo complessivo che si vuole raggiungere che richiede poi un intreccio di investimenti, riforme, policy".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.