Lunedì 26 Ottobre 2020, ore 01.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia, rimbalzo PIL al 12% nel terzo trimestre. Possibile frenata consumi

In scia all'aumento dei contagi

Economia ·
(Teleborsa) - L'economia italiana è tornata a crescere, dopo mesi di crisi durissima per il coronavirus. Secondo il bollettino economico della Banca d'Italia, nel terzo trimestre "il ritorno alla crescita è stato verosimilmente più sostenuto di quanto prefigurato a luglio. Anche grazie alle misure di stimolo, l'aumento del PIL potrebbe essere stato intorno al 12%" rispetto ad aprile-giugno, "sospinto soprattutto dal forte recupero dell'industria, dove le imprese prevedono un andamento piu' favorevole della domanda nei prossimi mesi". A gennaio-marzo il PIL ha segnato un -5,5% mentre nel secondo trimestre un -13%.

"Restano più incerte le prospettive dei servizi - sottolinea Via Nazionale - in ripresa anche per effetto del buon andamento dei flussi turistici domestici ma ancora su livelli di attività molto contenuti". "Le famiglie - aggiunge Bankitalia - indicano un graduale miglioramento delle proprie condizioni economiche, ma riportano anche un'elevata propensione al risparmio a fini precauzionali. In prospettiva, resta rilevante il rischio che l'evoluzione globale della pandemia possa continuare a ripercuotersi sulla fiducia di famiglie e imprese o resti debole la domanda globale".

Buone notizie per la produzione industriale che nel terzo trimestre è cresciuta di circa il 30%, "ritornando ai volumi precedenti l'inizio dell'epidemia". Si legge nel bollettino economico, che l'attività industriale, "che era caduta fortemente ad aprile ma aveva in parte recuperato già a maggio e giugno, è ulteriormente aumentata a luglio e agosto (rispettivamente del 7% e del 7,7%), sostenuta soprattutto dai beni strumentali e da quelli intermedi".

L'indagine sulle imprese realizzata da Palazzo Koch a settembre "conferma la ripresa in atto: la proporzione di aziende che si aspetta un miglioramento della situazione economica generale rispetto ai tre mesi precedenti sale al 30%, dal 3% della scorsa rilevazione".
I servizi, "che più duramente hanno risentito delle misure di contenimento della pandemia, avrebbero nel complesso contribuito positivamente alla crescita dell'attività economica nel terzo trimestre, a seguito della parziale riapertura di molte attivita' e del buon andamento dei flussi turistici interni".
"Avrebbe tuttavia - aggiunge Bankitalia - ancora esercitato un freno la componente estera del turismo, soprattutto per i servizi alberghieri e di ristorazione: ad agosto le spese di viaggiatori stranieri in Italia sono state inferiori di circa un quarto rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, mentre a giugno erano inferiori di oltre tre quarti".

Nel 2020 il PIL italiano dovrebbe segnare un crollo di poco inferiore al 10% a causa della pandemia, per poi tornare a una ripresa "molto graduale" nei prossimi anni.

Secondo la Banca d'Italia le misure espansive del Governo dovrebbero dare una "spinta considerevole" alla ripresa dell'economia, ma ora è necessario accelerare i tempi e garantire la "qualità degli interventi".

"Il ricorso agli ammortizzatori sociali - sottolinea ancora Palazzo Koch - continua a mitigare l'impatto della crisi sull'occupazione: nella media del periodo luglio-agosto il numero di ore autorizzate per l'integrazione salariale, pur dimezzatosi rispetto al picco del bimestre aprile-maggio, è rimasto su livelli mai raggiunti prima dell'emergenza sanitaria".

Aumentano, infine, i prestiti bancari alle imprese. "Il forte fabbisogno di liquidità delle imprese - chiarisce il bollettino - è stato ampiamente soddisfatto dalla crescita sostenuta del credito, iniziata a marzo e proseguita in estate (pari al 9,6% su base annua nei tre mesi terminanti ad agosto)". "Il miglioramento delle condizioni di offerta - spiega Palazzo Koch - è stato favorito dall'introduzione di consistenti garanzie pubbliche sui nuovi finanziamenti e di condizioni molto favorevoli sulle nuove operazioni di rifinanziamento (Tltro3) della BCE. L'aumento delle erogazioni e' avvenuto senza aggravi di costo: i tassi sui prestiti sono rimasti invariati, su livelli contenuti".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.