Facebook Pixel
Martedì 26 Ottobre 2021, ore 14.07
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

TV, bonus rottamazione al via: chi può richiederlo

Economia, Telecomunicazioni ·
(Teleborsa) - Parte oggi, lunedì 23 agosto il bonus tv, il contributo statale per sostituire il vecchio televisore con uno di nuova “generazione”, compatibile con il nuovo digitale terrestre. Stanziati 250 milioni di euro a sostegno della misura, ma non è escluso che con la prossima manovra arrivino risorse aggiuntive.




Il Bonus consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto del nuovo televisore, fino a un massimo di 100 euro, che si ottiene rottamando apparecchi TV che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici. A differenza del precedente incentivo, che rimane in vigore ed è pertanto cumulabile, il bonus rottamazione tv si rivolge a tutti i cittadini senza limiti di ISEE.

Come ottenerlo - Occorre essere residenti in Italia ed in regola con il pagamento del canone Rai, rottamare un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018 e quindi incompatibile con i nuovi standard di trasmissione. L'apparecchio acquistato deve essere nell'elenco del ministero dello Sviluppo economico delle apparecchiature idonee. Spetta un solo bonus per l'acquisto di un solo apparecchio per ogni utente identificato dal codice fiscale.


Per garantire un graduale e ordinato percorso verso le nuove tecnologie di trasmissione televisiva, il Ministro nei giorni scorsi ha inoltre firmato un decreto che rimodula il calendario del riassetto delle frequenze televisive nelle aree regionali. Il provvedimento prevede che a partire dal 15 ottobre 2021 alcuni programmi nazionali verranno trasmessi esclusivamente con la codifica DVBT/MPEG4

In particolare, il nuovo calendario per il riassetto delle frequenze nelle aree regionali viene così rimodulato: dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021 nell’area 1A - Sardegna; dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022 nell’area 2 - Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; nell’area 3 - Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza; dal 1 marzo 2022 al 15 maggio 2022 nell’area 4 - Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche; dal 1 maggio 2022 al 30 giugno 2022 nell’area 1B - Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania. Il decreto ha inoltre disposto l’introduzione dello standard tecnologico di trasmissione televisiva del digitale terreste Dvbt-2 a partire dal 1 gennaio 2023.

(Foto: Ron Porter / Pixabay)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.