Facebook Pixel
Milano 12-lug
34.581 +0,76%
Nasdaq 12-lug
20.331 +0,59%
Dow Jones 12-lug
40.001 +0,62%
Londra 12-lug
8.253 +0,36%
Francoforte 12-lug
18.748 +1,15%

Eurolandia in calo dopo i risultati elettorali. Male la Francia con nuove elezioni

Commento, Finanza, Spread
Eurolandia in calo dopo i risultati elettorali. Male la Francia con nuove elezioni
(Teleborsa) - In calo i listini europei, soprattutto quello francese, con il presidente Emmanuel Macron che ha indetto elezioni anticipate in Francia a seguito dell'esito del voto europeo. Sebbene i partiti europeisti mantengano la maggioranza del parlamento UE, il voto europeo evidenzia l'avanzare dei partiti di estrema destra, con na sonora sconfitta per i leader di Francia e Germania.

Prevale la cautela sull'Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,48%. L'Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 2.296,5 dollari l'oncia. Lieve aumento del petrolio (Light Sweet Crude Oil) che sale a 75,74 dollari per barile.

Sensibile peggioramento dello spread, che raggiunge quota +138 punti base, aumentando di 7 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 4,01%.

Tra gli indici di Eurolandia tentenna Francoforte, con un modesto ribasso dello 0,54%, giornata fiacca per Londra, che segna un calo dello 0,26%, e pesante Parigi, che segna una discesa di ben -1,61 punti percentuali.

A Piazza Affari, il FTSE MIB è in calo (-1,03%) e si attesta su 34.302 punti; sulla stessa linea, vendite diffuse sul FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 36.521 punti. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,49%); con analoga direzione, sotto la parità il FTSE Italia Star, che mostra un calo dello 0,60%.

Scendono o perdono terreno tutte le Blue Chip di Milano. a parte Leonardo (+0,70%), Campari (+0,35%) e Tenaris (+0,20%).

Le più forti vendite si manifestano su Banco BPM, che prosegue le contrattazioni a -2,06%. Seduta negativa per Stellantis, che mostra una perdita dell'1,91%. Sotto pressione Telecom Italia, che accusa un calo dell'1,82%. Scivola STMicroelectronics, con un netto svantaggio dell'1,82%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, SAES Getters (+1,83%), Comer Industries (+1,20%), Industrie De Nora (+0,97%) e Caltagirone SpA (+0,74%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Banca Ifis, che prosegue le contrattazioni a -1,98%. In rosso Technoprobe, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,65%. Spicca la prestazione negativa di Sanlorenzo, che scende dell'1,59%. Piccola perdita per Alerion Clean Power, che scambia con un -1,2%.
Condividi
```