Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Febbraio 2020, ore 17.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio

Quel 38,6 per cento di probabilità che torni a scendere

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4
Ora è vero che l’industria energetica americana è privata e quindi programmata per il profitto e non per l’espansione della produzione. È però anche vero che la politica di Trump ridurrebbe di molto i costi di produzione, permettendo alle società americane di restare profittevoli (o perfino di aumentare gli utili) anche in presenza di prezzi più bassi.

Poichè il petrolio texano ha già oggi costi di estrazione paragonabili a quelli sauditi o irakeni, l’effetto sui produttori non americani sarebbe significativo. Anche da questo punto di vista, dunque, Trump non è ancora prezzato dal mercato.

Petrolio in Texas. 1900 ca.Per il resto poco da segnalare. Il mondo è fermo in attesa dell’8 novembre e borse e cambi sono sempre nel loro trading range, mentre sui bond è tornata la voglia di rendimento a (quasi) tutti i costi.

Dal 9 novembre avremo però un 61.4 per cento di probabilità (Clinton) che la Fed inizi a togliere la polvere nascosta in questi mesi sotto il tappeto, metta mano ai tassi e avvi una correzione sui mercati. Avremo anche un 38.6 per cento di probabilità (Trump) che succeda molto di più e che molte cose, a partire dal dollaro, escano da quei range che oggi ci appaiono immodificabili.

La saggezza dei Padri Fondatori ha previsto un interregno di tre mesi tra il voto e l’insediamento del nuovo presidente. L’effetto Trump del 9 novembre potrebbe essere dunque simile all’effetto Brexit del 24 giugno, ovvero una brusca correzione di qualche ora seguita dalla constatazione, da parte di qualcuno che si prende la pena di aprire la finestra e gettare uno sguardo sul mondo, che tutto, là fuori, è esattamente come era il giorno prima. Per poi farsi trovare di nuovo impreparati, qualche tempo dopo, quando Brexit arriva per davvero o quando la Yellen (dovesse succedere) annuncia le sue dimissioni.

« 1 2 3 4
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.