Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 14 Dicembre 2019, ore 23.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fine anno

Tanti i problemi, ma il 2019 dovrebbe chiudersi bene

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 »
Chissà se potremo dirlo anche fra 12 mesi, che l'anno si chiuderà bene. Fra un anno a quest'epoca mancheranno pochi giorni a elezioni americane che decideranno quanto diverso sarà il prossimo decennio non solo da quello che sta per finire, ma da tutta la storia del capitalismo del dopoguerra.

Da qui ad allora non mancheranno i colpi di scena lungo tutto l'arco della campagna elettorale. Il grande numero di candidati, il possibile aggiungersi strada facendo di altre figure (dalla Clinton a Michelle Obama, da Bloomberg a Iger a numerosi altri che ora studiano la situazione), la mancanza di una leadership chiara e indiscussa in campo democratico e il sempre possibile sopraggiungere di un candidato indipendente fanno prevedere per i prossimi mesi frequenti rivolgimenti. Basti pensare, solo nelle ultime settimane, al declino di Biden, all'emergere impetuoso di Buttigieg, al declino e poi al colpo di reni di Sanders o all'inasprirsi degli attacchi concentrici sulla Warren (si pensi il martellamento del clintoniano Larry Summers contro la sua annunciata rivoluzione fiscale e in particolare contro la patrimoniale).

Per ora, tuttavia, il mercato, immerso nel suo torpore artificiale, fatica a reagire a quello che gli passa sotto il naso ed è decisamente troppo chiedergli di misurarsi con quello che potrà accadere in un futuro che appare ancora lontano e difficile da decifrare. E d'altra parte nessuno, banche centrali o investitori istituzionali che siano, ha voglia di rovinare un anno all'insegna del rialzo e della tranquillità.

Si può perfino affermare che la reazione del mercato ai continui stimoli positivi offerti dalle banche centrali è stata composta e misurata. Si è evitato di fare coincidere i tagli della Fed (il prossimo sarà mercoledì) con nuovi massimi assoluti, forse per non mettere troppo in imbarazzo una banca centrale che non appare molto convinta di quello che fa e che resta comunque profondamente divisa.

Se la Fed, la settimana prossima, annuncerà la fine dei tagli al buio e il ritorno a una politica monetaria guidata dai dati (ovvero alla navigazione a vista), il mercato potrà inizialmente avere un moto di delusione, ma poi si sentirà libero di dare un giudizio complessivo su un 2019 che ha segnato il ritorno a politiche aggressivamente espansive e tornerà a festeggiare e a pregustare la firma, a fine novembre, dell'accordo tra Trump e Xi.

In un periodo in cui si ama ripetere che le politiche monetarie sono sempre meno efficaci giova ricordare che la svolta della Fed del dicembre scorso, quando terminò la normalizzazione dei tassi e fu ripristinata gradualmente la linea espansiva, ha già portato l'indice da 2400 a 3000 e i bond dal 3.25 a 1.75. I dubbi possono quindi essere legittimi sugli effetti decrescenti sull'economia reale, ma sugli asset finanziari la trasmissione degli impulsi monetari funziona ancora benissimo.
1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.