Facebook Pixel
Sabato 24 Febbraio 2024, ore 02.59
Azioni Milano
09 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Promuovere un'agenzia di rating europea

Fabrizio Pezzani
Fabrizio Pezzani
Professore ordinario di Economia Aziendale presso l'Università L. Bocconi. E' autore di libri e pubblicazioni sui temi di governance e controllo delle amministrazioni pubbliche e private e delle relazioni tra economia, etica e società.
1 2 »
Il rating è un metodo utilizzato per valutare sia i titoli obbligazionari di debito, sia le imprese in base al rischio finanziario delle loro attività, si definisce così il rating di merito creditizio. Il rating dei paesi è diventato una prassi usuale per attribuire un giudizio di merito ai debitori sovrani con metodologie razionali basate su una logica deterministica quando in economia, scienza sociale, le misurazioni sono sempre di tipo probabilistico.

Così troppo spesso l'assegnazione del rating è risultato frutto di manipolazioni funzionali ad interessi esterni e totalmente distorsivo ed opportunistico della realtà giudicata. Il rating viene espresso con un voto in lettere in base al quale il mercato stabilisce il premio da richiedere secondo il rischio determinato da una valutazione che troppo spesso è legata a motivi strumentali e non reali.

Le principali agenzie di rating - Standard & Poor's, Moody's e Fitch Rating - sono americane e partecipate da grandi multinazionali e da qui comincia la filiera degli interessi. Un primo tipo di conflitto riguarda i soggetti che pubblicano i rating e nel contempo svolgono attività di banca di investimento ed in questo modo il rating potrebbe essere strumentalizzato nell'interesse della banca e dei suoi clienti. Si può forzare un paese o un'azienda abbattendo il rating a svendere le sue attività come spesso è successo al nostro paese, infatti di fronte al declassamento di un titolo la comunità finanziaria reagisce con un deprezzamento privilegiando le decisioni degli analisti rispetto alle ragioni dell'emittente che si trova sempre in una situazione di debolezza che non risponde invece alla realtà. Si parla di dittatura degli analisti per il potere di condizionare il mercato verso i loro interessi.

In questo senso le agenzie americane di rating sono sotto accusa perché i loro modelli di valutazione si basano su un'analisi razionale e meccanicistica di una realtà sociale che è l'economia e distorcono troppo spesso la verità sottomessa ai loro interessi. La modellistica e la cultura americana si basano sulla logica del mercato e dell'ottimo a breve mentre il modello europeo è fondato sul sistema di welfare inesistente negli usa. I modelli americani si basano sulla cultura finanziaria che ragiona sui flussi di cassa perché hanno volutamente dimenticato che gli equilibri finanziari dipendono sempre da quelli economici e non viceversa come si insegna al primo anno del corso di economia e ragioneria. Per semplificare al massimo l'analisi dei fatti riducono questa solo ai fatti misurabili, modello delle scienze esatte, ma l'economia è una scienza sociale, che sono la minima parte di quelli che interessano, i dati relativi raccolti sono totalmente limitati ma vengono considerati come assoluti; una società od un mercato non sono misurabili ma di questi si analizzano solo i fatti misurabili che sono limitati e da soli non servono a nulla se non a sostenere tesi di comodo.
1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.