Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 22 Marzo 2019, ore 03.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Arriva il metal detector degli spioni del web

Costume e società, Scienza e tecnologia ·
(Teleborsa) - Sarà una App a proteggerci dagli spioni del web, che non violano solo il nostro diritto alla riservatezza, sempre più spesso umiliato nel mondo del digitale, ma addirittura guadagnano rivendendo queste 'preziose' informazioni per scopi pubblicitari.

I nostri movimenti sul web, a quanto pare, vengono puntualmente sorvegliati e registrati da Google, mentre la nostra pagina Facebook, i nostri amici e contatti e tutte le informazioni scambiate, sono una miniera d'oro per il social network più popolare al mondo.

I grandi protagonisti di Internet, infatti, rivendono tutte le nostre informazioni, anche l'aver semplicemente visitato una pagina web, ad esempio per gli amici degli animali, per veicolare l'informazione al diretto interessato, et voilà, ecco comparire sulla nostra posta la pubblicità di un nuovo cibo per gatti o cani o di una pensione per i nostri amici a quattro zampe.

Se il lungo braccio dell'Authority per la privacy non riesce ancora a contenere lo straripare della Rete, ecco che la tecnologia ci corre in soccorso, offrendoci una maggior protezione nel campo della riservatezza dei dati personali. L'app in questione si chiama Privacyfix ed è integrabile sui browser Firefox e Chrome; il suo compito è quello di registrare la nostra attività in Rete, segnalando la maggiore o minore rischiosità dei nostri spostamenti dal punto di vista della privacy. L'Idea non è nuova, ma la nuova app, anziché oscurare i nostri dati o eliminarli, invia una miriade di informazioni false, tanto da confonderle con quelle di migliaia di altri utenti del web.

Ma Privacyfix ci dice anche di più, perché ci segnala una stima annua di quanto noi abbiamo fatto guadagnare a Facebook e Google, rivendendo il 'nostro privato' al miglior offerente, in barba alla privacy. Ad esempio, si stima che Google guadagni 14,70 dollari ogni mille ricerche, ma, in generale, chi più naviga più fa guadagnare i signori del web.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.