Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 6 Aprile 2020, ore 07.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Grecia, le privatizzazioni rallentano per troppa burocrazia

Economia ·
(Teleborsa) - Il programma di privatizzazione della Grecia è stato uno dei punti cardine del piano di salvataggio che Atene ha messo a punto con i creditori ed approvato con lo sblocco degli aiuti per 86 miliardi di euro. Adesso questo piano rischia un clamoroso flop o quanto meno di subire notevoli ritardi, secondo quanto riporta Bllomberg.

Il nuovo fondo, costituito per drenare tutta la liquidità proveniente dalla vendita degli asset statali, svolgerà la sua attività per tutta la durata del prestito concesso, per il quale è prevista una durata di oltre 32 anni.

I funzionari greci hanno bisogno di più tempo, rispetto a quello concesso, per risolvere questioni legate alla proprietà dei cespiti immobiliari che dovranno essere venduti e per consentire, nello stesso tempo, di recuperare parte del valore di mercato perso durante crisi. Il Fondo monetario internazionale, al riguardo, ha posto una serie di interrogativi sulla sostenibilità del debito della Grecia, poco prima che si giungesse all'accordo di luglio, sottoscritto dalle parti il 14 agosto. Nella recensione del FMI si stima che Atene sarà in grado di dismettere solo 500 milioni di euro ogni anno, dei 9 miliardi che si appresta a piazzare sul mercato, mettendo in preventivo ulteriori finanziamenti per Atene.

Il vizio è formale e causato da una normativa che prevede la necessità di creare nuovo valore prima di procedere alle dismissioni del portafoglio detenuto dalla società a controllo statale Public Properties Company, che include tra gli altri numerosi siti in cui si sono svolti i giochi olimpici del 2004.

La macchina della privatizzazioni è comunque già all'opera e l’agenda prevede la vendita dei due principali porti nazionali, quello di Salonicco e quello più appetito del Pireo, a cui sembra fortemente interessata l’azienda di trasporti globali Maersk, oltre a diversi aeroporti regionali, per un controvalore stimato di 6,5 miliardi di euro.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.