Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 15 Luglio 2018, ore 23.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, prezzi in calo mentre continua a crescere la produzione

La IEA stima che la domanda di greggio globale sarà quest’anno di 1,4 milioni di barili/giorno

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - La IEA (International Energy Agency), stima che la domanda di greggio globale sarà quest’anno di 1,4 milioni di barili al giorno, superiore a quella del 2017, mentre prevede che per la fine dell'anno le estrazioni negli USA raggiungeranno quota 11 milioni di barili al giorno.

Ciò vuol dire che la produzione americana sarebbe in grado da sola di soddisfare l'aumento della domanda. Tuttavia i prezzi del petrolio continuano a scendere alla luce degli ultimi dati aggiornati sulla produzione negli USA: la settimana scorsa l'output ha superato 10 milioni di barili al giorno.

Nel suo Oil Market Report, il Dipartimento dell’Energia di Washington, ha evidenziato che a gennaio le forniture globali di greggio hanno raggiunto a 97,7 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno con un incremento di 1,5 milioni di barili giornalieri dovuti al fatto che la ripresa della produzione statunitense ha rafforzato la produzione non-OPEC. Il cartello ha, invece, mantenuto una produzione di 32,1 milioni di barili al giorno.

Al momento, i futures sul West Texas Intermediate (WTI) cedono l'1% a 58,72 dollari mentre quelli sul Brent perdono lo 0,64% a 61,94 dollari.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.