Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 25 Settembre 2018, ore 01.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Maltempo, danni a imprese agricole fino a 300 milioni di euro

E' quanto stima Coldiretti che fa un primo bilancio del maltempo che continua colpire l'Italia. Protezione civile lancia l'allerta per l'arrivo di temporali e venti forti dal Nord al Centro con rischio idraulico in molte regioni, dalla Liguria all'Emilia Romagna fino in Toscana

Agroalimentare, Clima, Economia ·
(Teleborsa) - Distrutti i raccolti di decine di migliaia di imprese agricole con danni che potrebbero raggiungere i 300 milioni di euro. E' la stima di Coldiretti che fa un primo bilancio del maltempo che continua colpire l'Italia.

Tra pioggia, gelo e neve al Nord è caduta in questo inverno il 16% di acqua in più rispetto alla media con un decisa inversione di tendenza rispetto al deficit idrico fatto registrare nelle stagioni precedenti. L'analisi di Coldiretti su dati ISAC - CNR. L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima.

L'allerta della protezione civile per l'arrivo di temporali e venti forti dal Nord al Centro con rischio idraulico in molte regioni, dalla Liguria all'Emilia Romagna fino in Toscana.

La nuova ondata di maltempo – continua Coldiretti - colpisce le campagne dove è ancora in atto la conta dei danni provocati dalla devastante gelata provocata da Burian che ha già distrutto gli ortaggi in campo e provocato perdite consistenti nelle piante da frutto e ulivi.

Per effetto delle intense precipitazioni il livello idrometrico del fiume Po è salito di circa 2 metri in sole ventiquattro ore. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti della mattina del 12 marzo al Ponte della Becca dal quale si evidenzia come il rapido aumento del livello del principale fiume italiano sia significativo delle criticità registrata in molti corsi d’acqua e torrenti. L’arrivo di piogge e temporali violenti preoccupa per la stabilita idrogeologica con piene ed esondazioni per i fiumi ed il rischio frane o smottamenti per i terreni.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.