Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Dicembre 2018, ore 16.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse europee incerte. A Milano pesa anche lo stacco cedole

Gli investitori continuano a guardare con apprensione alla politica protezionistica degli Stati Uniti

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Partenza cauta per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, che si allineano alla performance negativa dei Listini asiatici.

A zavorrare i mercati ancora una volta i timori per un'escalation della guerra commerciale dopo la decisione degli Stati Uniti di far scattare i dazi su molti prodotti cinesi.

Praticamente vuota l'agenda macroeconomica che prevede solo la bilancia commerciale italiana e l'indice NAHB statunitense.

Sul valutario lieve calo dell'Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,157.

Tra le commodities l'oro scambia sui valori della vigilia a 1.278,9 dollari l'oncia mentre il petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua a perdere terreno (-1,6%) fino a 64,02 dollari per barile sulle attese per un incremento della produzione di oro nero da parte di OPEC e Russia.

Invariato lo Spread, che si posiziona a 219 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,59%.

Tra i mercati del Vecchio Continente Francoforte lima lo 0,31%, Londra viaggia sui livelli precedente, Parigi segna un calo frazionale dello 0,23%.

Sulla parità la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 22.154 punti; sulla stessa linea, si muove intorno alla parità il FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 24.403 punti. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,02%), come il FTSE Italia Star (0,0%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo BPER (+1,13%), Telecom Italia (+1,10%), UBI Banca (+0,87%) e Unipol (+0,84%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Snam -4,16%, Poste Italiane -3,41% e Terna -2,92%, tutte gravate dallo stacco del dividendo.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Saras (+1,75%), ERG (+1,68%), Enav (+1,60%) e Fincantieri (+1,54%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Acea, che lascia sul parterre il 4,22%. Anche l'utility romana accusa l'effetto cedola al pari di
IREN -2,95% e Hera, in calo del 2,81%.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.