Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 20 Gennaio 2019, ore 20.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

USA, Powell (Fed) non vedo segnali di elevato rischio recessione

Il Presidente della Banca centrale americana avverte che un shutdown lungo avrà impatto sull'economia: "emergerà dai dati economici"

Economia ·
(Teleborsa) - "Abbiamo la capacità di essere pazienti" e vedere gli sviluppi dell'economia. La Fed può "aspettare, vedere ed essere paziente e flessibile" sui tassi di interesse. Lo afferma il Presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, intervenendo all’Economic Club di Washington e, confermando di fatto, quanto già emerso dai verbali della banca centrale americana.

Il governatore ha spiegato che non c'è un "piano stabilito" per l'aumento dei tassi d'interesse e che l'istituto centrale "monitora l'evoluzione dell'economia".

Il successore di Janet Yellen, più volte attaccato dal Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per i rialzi dei tassi d'interesse, ha detto di non essere "preoccupato per le critiche". La banca centrale statunitense - ha detto - "non tiene in considerazione fattori di tipo politico nelle sue discussioni o decisioni".

Quanto allo shutdown, il governatore Fed afferma che "non durano a lungo e non hanno effetto sull'economia", ma avverte che shutdown lunghi "possono aver un impatto sull'economia". Un impatto che "emergerà dai dati economici".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.