Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 19 Aprile 2019, ore 09.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Unicredit, prima transazione in Italia su blockchain we.trade

Usata per la prima volta la tecnologia blockchain per gestire le transazioni commerciali internazionali

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Una prima assoluta in Italia targata Unicredit che ha eseguito con successo la prima transazione commerciale nel nostro Paese sulla piattaforma blockchain we.trade.

Il progetto we.trade, nato nel 2017 dalla collaborazione tra UniCredit e altre 6 primarie banche europee (Deutsche Bank, HSBC, KBC, Natixis, Rabobank, Société Générale), oggi conta 13 banche in 14 Paesi europei.

L’obiettivo è semplificare i processi finanziari del commercio internazionale per le PMI, utilizzando un modo più efficiente e meno costoso di gestire le transazioni commerciali internazionali, trovando controparti fidate con cui instaurare rapporti commerciali e avendo contezza della transazione e della spedizione, tramite la digitalizzazione dell’intero processo, dalla creazione di un ordine fino al pagamento.

Tramite la piattaforma we.trade, oggi UniCredit ha permesso al produttore di imballaggi metallici Gruppo ASA l’acquisto di una partita di banda stagnata da un suo fornitore, Steelforce, a sua volta supportato da KBC Bank in Belgio.

"we.trade è una storia di successo nel campo della collaborazione bancaria e siamo lieti di annunciare la nostra rima transazione sul mercato italiano", ha dichiarato Luca Corsini, Head of Global Transaction Banking di UniCredit.

"Crediamo che nel corso del tempo la piattaforma possa contribuire a ridefinire le relazioni commerciali tra le PMI, rimuovendo gli ostacoli che tipicamente rendono difficili e costose le transazioni internazionali, con benefici concreti per i nostri clienti", conclude Corsini.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.