Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 14 Novembre 2019, ore 06.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuola, critiche alle proposte di Fontana su regionalizzazione

L'ANIEF replica al governatore della Lombardia che propone un modello destinato a limitare gli spostamenti

Economia ·
(Teleborsa) - Si ritorna a parlare di scuola, principalmente di "regionalizzazione". Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ai microfoni di La7 ha evidenziato come la sua priorità, per quanto riguarda l'insegnamento, sia di avere dei docenti assunti in Lombardia e che rimangano a lungo ad insegnare, senza che il docente di ruolo se ne vada a fine anno, quindi stabilizzando i docenti. L'obbligo di permanenza costringerebbe i docenti a permanere nella regione scelta sino a sette anni, raddoppiando di fatto il triennio previsto per legge.

Pronta la replica da parte dell'ANIEF e del suo Presidente Marcello Pacifico, che in merito alle dichiarazioni di Fontana, ha dichiarato "uno dei principi basilari che regolano la gestione dei Paesi moderni è quello del rispetto dei principi base: non si possono sovrastare per introdurne altri. Cosa ne facciamo del diritto alla libera circolazione dei cittadini, anche professionale, per non parlare del diritto al ricongiungimento alla famiglia? Inoltre, gli insegnanti devono essere italiani, non lombardi o siculi. Bisogna finirla con questo continuo attaccare l'unità nazionale e l'autonomia delle scuole: cultura, istruzione, università e ricerca devono rimanere allo Stato e non essere prerogative dei partiti".

"Sono concetti – conclude il Presidente - che ribadiremo anche al premier Giuseppe Conte, nell'incontro programmato con la nostra organizzazione sindacale, perché si confermi garante di quell'unità nazionale che la scuola pubblica italiana incarna più di ogni altra istituzione e servizio pubblico".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.