Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 22 Settembre 2019, ore 13.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Giorgetti, voto a ottobre o Governo elettorale anti-Iva

Il sottosegretario leghista in una intervista a La Repubblica: "Salvini si è assunto responsabilità. Ha chiesto parere anche a me"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Noi pensiamo ancora che possa prevalere il buon senso. Che ci siano le condizioni per andare al voto entro il 27 ottobre. Che un Governo si insedi anche un mese dopo, a fine novembre, e appronti una manovra, intanto per congelare l'Iva. Lo ha già fatto Gentiloni nel 2017". Così afferma il sottosegretario leghista alla presidenza del consiglio, Giancarlo Giorgetti, in un'intervista a "La Repubblica" in cui aggiunge che poi serviranno misure politiche, concrete. E su quelle "abbiamo già le idee chiare".

L'alternativa alle elezioni in autunno? Secondo Giorgetti "a quel punto la cosa quasi inevitabile è che si insedi un Governo elettorale fino al voto e che presenti un bilancio a legislazione vigente, come si dice in gergo. E poi un decreto a fine anno con misure in vigore da gennaio: a cominciare dalla sterilizzazione dell'aumento dell'Iva, ovviamente. Purché a inizio anno si torni davanti agli elettori". All'eventuale esecutivo Pd-M5S che definisce "fantagoverno", Giorgetti dice solo "auguri". Poi, aggiunge, che per la Lega "c'è più ossigeno all'opposizione che al Governo. Il Pd, come dimostrano le ultime vicende, su quei banchi sta morendo asfissiato".

Il sottosegretario leghista si dice davvero curioso di vedere "su cosa nasce quella strana cosa. Che manovra è in grado di partorire. Può solo perpetuare la specie e le poltrone. Noi all'opposizione possiamo anche andarci e se succederà ci andiamo a testa alta. È una questione di dna".

E su Salvini, Giancarlo Giorgetti dice: "Matteo è un capo. Si è assunto le sue responsabilità. Ha sempre chiesto il parere a tutti. Anche a me. Ho detto come la pensavo anche subito dopo le Europee. Adesso lo accusano. Lui paradossalmente è il leader che ha cercato in tutti i modi di difendere questa esperienza di Governo, di portarla avanti".

Cosa è successo l'8 agosto? "Che lui ha messo in fila i Ministri, i capigruppo, i dirigenti del partito. Ha chiesto se preferivano restare al Governo, sulle loro poltrone, oppure fare qualcosa di concreto per questo Paese - dice Giorgetti - e a sorpresa in coro gli hanno detto basta. Poi ha sentito una ventina di imprenditori e figure di spicco dell'economia e il responso è stato lo stesso: al voto. Matteo non ha dormito per tre notti e ha tratto le conclusioni. Gli altri hanno le direzioni o le piattaforme Rousseau. Noi abbiamo un leader".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.