Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 23 Novembre 2019, ore 03.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dazi, guerra fra USA e Cina entra nel vivo

Pechino annuncia dazi su 75 miliardi di prodotti americani e Trump triplica con l'aumento delle tariffe su 250 miliardi di beni

Economia ·
(Teleborsa) - Entra nel vivo la guerra tra Cina e Stati Uniti sulla questione dei dazi, dove la vittima è l'economia globale, in evidente stato di difficoltà a causa dei venti di protezionismo.

La Cina ha annunciato ieri, 23 agosto, che imporrà nuovi dazi dal 5% al 10% su 75 miliardi di dollari di beni "made in Usa": si tratta della risposta di Pechino ai dazi americani operativi dal 1° settembre sull'import di prodotti cinesi.

Ma gli USA non stanno a guardare e rilanciano con una nuova ondata di dazi su 250 miliardi di beni cinesi: alzate dal 25% al 30% le tariffe già esistenti su 250 miliardi di beni cinesi dal 1° ottobre ed è stato annunciato un aumento dal 10% al 15% dei dazi in arrivo dal 1° settembre. Poi, da metà dicembre svatteranno altre tagliole su quasi 300 miliardi di dollari di beni.

E' l'effetto della furia del Presidente Trump che ha dichiarato: "Il nostro Paese ha perso, stupidamente, migliaia di miliardi di dollari con la Cina nel corso di tanti anni. Hanno rubato la nostra proprietà intellettuale a un passo di centinaia di miliardi di dollari all'anno e vogliono continuare. Non lo permetterò! Non abbiamo bisogno della Cina, e francamente, staremmo meglio senza", ha scritto su Twitter.

Poi l'inquilino della Casa Bianca ha avvertito: "Le grandiose aziende americane devono iniziare immediatamente a cercare alternative alla Cina, incluso portare a casa le loro aziende e la produzione negli Stati Uniti".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.