Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 19 Settembre 2019, ore 12.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Apple, oggi l'evento: le novità dell'iPhone 11

Il nuovo modello della società di Cupertino si presenterà al mondo in tre diverse versioni: l'iPhone 11 (6.1’’), iPhone 11 Pro (5.8’’) e iPhone Pro Max (6.5’’)

Finanza ·
(Teleborsa) - Alle 19 (ora italiana) di oggi, nello Steve Jobs Theater di Cupertino, Apple presenterà il tanto atteso iPhone 11. L'ultimo modello della società di Tim Cook, rinnovato sia nel nome sia nelle funzioni, si mostrerà al mondo in tre diverse versioni di smartphone: l'iPhone 11 (6.1’’), iPhone 11 Pro (5.8’’) e iPhone Pro Max (6.5’’). Questi nuovi modelli, pur non vedendo grossi cambiamenti nel design, avranno degli stravolgimenti positivi sul comparto della fotografia.

Per gli amanti di paesaggi, selfie e fotografie di gruppo infatti il nuovo melafonino, nei modelli Pro, offrirà una tripla fotocamera posteriore con grandangolo utile ad ottenere una resa migliore anche nelle ore più buie della giornata.
Ma non è tutto oro quel che luccica. Per Apple infatti, quella di oggi è una giornata che viaggia su due binari differenti, da una parte in fermento per l'evento di questa sera, e dall'altra, affrontando in contemporanea la necessità di risolvere l'ennesima gatta da pelare proveniente dal fronte del lavoro.

Nell'occhio del ciclone, questa volta, la società di Cupertino ci sarebbe caduta insieme alla taiwanese Foxconn, sua partner storica, proprio per la produzione dell'Iphone 11.
Infatti, stando a quanto pubblicato in un report di China Labor Watch, Ong americana specializzata nel valutare le condizioni di lavoro in Cina, le due società avrebbero violato le leggi cinesi sul lavoro precario durante la produzione estiva dell'atteso smartphone.
Nel dettaglio, Apple e Foxconn sarebbero state accusate di aver impiegato nello stabilimento di Zhengzhou un numero di lavoratori a tempo determinato superiore al limite imposto dalla legge statali. Sia Apple che Foxconn hanno riconosciuto la violazione, rigettando però le molte altre accuse provenienti da China Labor Watch, tra cui quella del non aver riconosciuto ai precari assunti il bonus di produzione precedentemente pattuito e quella di aver aver assunto studenti con un salario di 295 dollari al mese, senza garanzie né straordinari riconosciuti.

Apple nel Premarket segna un leggero calo dello 0,17%

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.