Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 15.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Università, tre italiane tra i primi 200 migliori atenei al mondo

Secondo il ranking stilato dal magazine inglese Times Higher Education, il Sant’Anna di Pisa, la Normale e università di Bologna si posizionano al 149°, 152° e 168° posto

Economia ·
(Teleborsa) - Scalano la classifica dei 200 atenei migliori al mondo tre università italiane. Secondo il ranking stilato dal magazine inglese Times Higher Education, il Sant’Anna di Pisa, la Normale e università di Bologna guadagnano diversi punti rispetto all'anno scorso e si posizionano rispettivamente al 149°, 152° e 168° posto nell'elenco. A confronto con la precedente rilevazione, vi è anche un'altra nota positiva per il nostro Paese, ovvero il fatto che l'Italia - grazie alla presenza di 45 atenei, 2 in più rispetto al 2018 - risulta essere il terzo Stato più rappresentato nella lista in questione.

Da 16 anni, sono diversi gli indicatori presi in considerazione dal Times Higher Education, in particolar modo prendono un peso importante nella valutazione il livello di insegnamento e il trasferimento tecnologico ma non si trascurano neanche l'appeal nell'attrarre studenti stranieri, l'impatto delle citazioni scientifiche e l'internazionalizzazione dello staff accademico.
L'analisi, che mette a confronto oltre 1.300 università presenti in 92 differenti Paesi, lascia pressoché inalterate le prime tre posizioni del ranking, sul cui gradino più alto del podio siede, per il quarto anno consecutivo, l'università di Oxford, seguita dalla California Institute of Technology e al terzo da Cambridge.

Il ranking, evidenzia inoltre, tra le altre cose, un'inversione di tendenza per l'istruzione europea, che ha perso di prestigio a favore di quella delle accademie asiatiche.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.