Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 12 Novembre 2019, ore 23.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, attacco a raffinerie saudite: dimezzata produzione. Usa accusano Iran

Riad mira al ripristino del 30% della produzione nelle prossime ore. Schizza il prezzo del greggio in concomitanza dell'avvio dei mercati in Europa

Finanza ·
(Teleborsa) - Tensione alle stelle tra Usa e Iran dopo l'attacco con droni (rivendicato dai ribelli houti dello Yemen) nella giornata di sabato 14 settembre, agli stabilimenti petroliferi di Abqaiq e Khurais, di proprietà della compagnia Saudi Aramco, fra i più grandi del mondo, che hanno costretto l’Arabia Saudita a fermare oltre metà della sua produzione totale di petrolio. Riad ha annunciato che compenserà il taglio della produzione, pari a 5,7 milioni di barili al giorno -più della metà, appunto, della sua produzione complessiva, e più del cinque per cento della produzione globale - attingendo alle riserve strategiche, che in giugno ammontavano a 188 milioni di barili.

Gli Usa sono "pronti e carichi" per reagire agli attacchi contro Riad: ha twittato il Presidente americano Donald Trump, precisando di attendere la conferma sulle responsabilità e le valutazioni dell'Arabia Saudita. "Le forniture energetiche dell'Arabia Saudita sono state attaccate. C'è ragione di credere che conosciamo i colpevoli, siamo pronti e carichi in attesa della verifica, ma stiamo attendendo di sentire dal regno saudita chi ritiene sia la causa di questo attacco, e in base a quali condizioni procederemo", ha scritto il tycoon.

Rincara la dose il Segretario di Stato americano Mike Pompeo secondo il quale "non c'è alcuna prova siano arrivati dallo Yemen", che ha accusato direttamente l'Iran per questo "attacco senza precedenti alle forniture energetiche mondiali".
Accuse respinto dal ministro degli Esteri iraniano attraverso il portavoce Abbas Mussavi: “Queste accuse ed affermazioni inutili e cieche sono incomprensibili e prive di senso”.

In prossimità dell'avvio dei mercati in Europa, schizza il prezzo del greggio che raggiunge la cifra record di 71 dollari al barile, con un aumento di 12 dollari, il più alto rialzo giornaliero da quando è iniziata la quotazione dei future, nel 1988. In seguito, il brent si è assestato sui 67,77 dollari in rialzo di quasi il 13%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.