Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 11 Dicembre 2019, ore 06.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Confartigianato chiede abrogazione sconto immediato su ecobonus e sismabonus

Il vigente meccanismo distorcerebbe la concorrenza ed escluderebbe dal mercato migliaia di piccole imprese del "sistema casa"

Economia ·
(Teleborsa) - "Va abrogata la norma del Decreto Crescita che prevede lo sconto immediato in fattura per i lavori relativi a ecobonus e sismabonus".

Questo quanto chiesto dai rappresentanti di Confartigianato, Cna e Casartigiani intervenuti oggi all'audizione della Commissione Industria, commercio e turismo del Senato nell'ambito dell'esame dell'affare assegnato sulle ricadute dei sistemi di incentivazione per la riqualificazione energetica degli edifici sulle filiere produttive di settore.

La misura contestata dalle tre Confederazioni prevede che chi effettua lavori di riqualificazione energetica o antisismici può chiedere, in alternativa alla detrazione fiscale dal 50% all’85% spalmabile in 10 anni, uno sconto immediato sulle fatture da parte dell'impresa che ha realizzato i lavori. L'impresa potrà poi farsi rimborsare lo sconto dallo Stato in 5 anni tramite un corrispondente credito d'imposta da utilizzare in compensazione. Inoltre, l’impresa potrà scegliere di cedere il credito così acquisito ai suoi fornitori di beni e servizi. Non potrà invece cederlo a istituti di credito e intermediari finanziari.
L'abrogazione dello sconto in fattura, sostengono le Confederazioni, consentirà di restituire equilibrio ed efficacia ad un sistema di incentivi che rappresenta un valido strumento per la riqualificazione energetica e la sostenibilità del patrimonio immobiliare e per il rilancio del settore costruzioni.
Secondo Confartigianato, Cna e Casartigiani questo meccanismo vigente distorce la concorrenza ed esclude dal mercato le migliaia di piccole imprese del "sistema casa" (costruzioni, installazione impianti, serramenti) che non dispongono della capacità finanziaria per anticipare lo sconto al cliente e non sono in grado di sopportare l'onerosità dell'operazione di cessione del credito.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.