Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 15 Dicembre 2019, ore 02.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Sala, Society 5.0: "La tecnologia ha bisogno di visione a lungo termine"

"Dobbiamo immaginare una digitalizzazione amica, che sappia coniugare le capacità tecnologiche ai bisogni della gente"

Economia, Scienza e tecnologia ·
(Teleborsa) - La tecnologia può diventare la leva per cancellare le diseguaglianze ma solo se la politica la usa per una visione a lungo termine.

Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala nel suo intervento all'Hitachi Social Innovation Forum 2019 che torna per la seconda edizione nel capoluogo lombardo.

Milano è la capitale europea del 5G, la smart city italiana per eccellenza ed è il modello di riferimento per costruire una città del futuro dove la tecnologia sia al servizio delle persone.

"La tecnologia usata per la mobilità e l'ambiente ma anche per la medicina può davvero aiutare a eliminare le diseguaglianze. Questo è il motivo per cui dobbiamo immaginare una digitalizzazione amica", ha dichiarato Sala a margine del forum.


"Il tema è molto chiaro e non è quello che la tecnologia può fare perché può fare tutto, ma coniugare le capacità tecnologiche con i bisogni della gente", ha sottolineato il sindaco che ricorda come sia importante la ricerca di "partnership e di aziende come Hitachi che possono essere assolutamente fondamentali" nella progettazione della città del domani.

A fronte di innovazioni tecnologiche che si susseguono a ritmi sempre più veloci, la politica deve riuscire ad adeguarsi e a dare le giuste risposte.

"La politica conta se ha il coraggio di avere una visione di lungo termine", ha evidenziato Sala che cita "tra le non riforme italiane, una giusta, quella per l'elezione del sindaco" che dà un tempo di 5 o 10 anni per progettare e lavorare sul territorio. "Per questo - conclude - mi sento ancor più in dovere di dover esprimere una visione di lungo termine".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.