Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 19 Novembre 2019, ore 00.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mps, Mussari e Vigni condannati a oltre 7 anni

Per Baldassarri 4 anni e 8 mesi: per Nomura e Deutsche confische da oltre 150 milioni di euro

Economia ·
(Teleborsa) - Il Tribunale di Milano ha condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere Giuseppe Mussari, a 7 anni e 3 mesi Antonio Vigni e a 4 anni e 8 mesi Gian Luca Baldassarri, ex vertici di Monte dei Paschi di Siena tra gli imputati per le presunte irregolarità nelle operazioni effettuate dalla banca senese tra il 2008 e il 2012 per coprire le perdite dovute all'acquisizione di Antonveneta. I giudici hanno anche condannato Daniele Pirondini, ex direttore finanziario di Rocca Salimbeni a 5 anni e 3 mesi.

In particolare, i giudici della seconda penale (presidente del collegio Lorella Trovato), al termine del processo - durato quasi 3 anni e scaturito dall'inchiesta dei pm Giordano Baggio, Mauro Clerici e Stefano Civardi - hanno condannato tutti e 16 gli imputati, tra persone fisiche e giuridiche.

Sono stati condannati, infatti, anche Marco Di Santo, ex manager Mps, a 3 anni e 6 mesi, e gli ex dirigenti e manager di Deutsche Bank Ivor Scott Dunbar (4 anni e 8 mesi), Matteo Angelo Vaghi (3 anni e 6 mesi), Michele Faissola (4 anni e 8 mesi), Michele Foresti (4 anni e 8 mesi) e Dario Schilardi (3 anni e 6 mesi).

Per Marco Veroni, ex di Deutsche Bank Ag London Branch, 3 anni e 6 mesi: infine 4 anni e 8 mesi per Sadeq Sayeed, ex di Nomura come Raffaele Ricci (per lui 3 anni e 5 mesi).

Ritenute responsabili per una pluralità di illeciti anche Deutsche Bank, compresa la filiale londinese, e Nomura, imputati come enti. In particolare, il Tribunale ha ordinato per i due enti confische per un importo complessivo di 152 milioni di euro, molte meno rispetto a quanto chiesto dall'accusa.

La Procura aveva infatti chiesto confische da 444,8 milioni per la banca giapponese e di 440,9 milioni per quella tedesca, mentre i giudici le hanno ridotte per 88 milioni a carico di Nomura e per 64 milioni a carico di Deutsche, compresa la filiale londinese.

I giudici della seconda sezione penale hanno anche condannato i due istituti di credito a sanzioni pecuniarie da oltre 3 milioni di euro: nel dettaglio, Deutsche Bank Ag e Deutsche Bank Ag London Branch sono state condannate a una sanzione pecuniaria da 3 milioni di euro, mentre Nomura a 3,4 milioni di euro. I pm avevano chiesto sanzioni pecuniarie più basse, da 1,8 milioni.

"Premesso che le sentenza si rispettano, voglio esprimere un grande stupore per il contrasto tra questo dispositivo e le risultanze emerse in dibattimento. Ma su questo leggerò le motivazioni. Essendo convinto della innocenza dei miei assistiti proporrò ricorso in appello convinto che le conclusioni saranno diverse", è il commento di Giuseppe Iannaccone, difensore degli imputati di Deutsche Bank.

"È una sentenza totalmente appiattita sulle impostazioni dell'accusa. Avevamo espresso una serie di pregnanti considerazioni in fatto e in diritto che evidentemente non sono state minimamente prese in considerazione", ha aggiunto l'avvocato Armando Simbari, difensore dell'ex direttore finanziario di Mps Pirondini.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.