Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 21 Gennaio 2020, ore 21.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Aeroporto Fiumicino, primo scalo al mondo a installare illuminazione Biovitae

AdR sempre attiva nell'uso delle tecnologie ha avviato la sperimentazione presso il Pronto Soccorso aeroportuale

Economia, Salute e benessere, Trasporti ·
(Teleborsa) - L'Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, gestito dalla società Aeroporti di Roma, è il primo aeroporto al mondo ad aver adottato le lampade Biovitae, registrate come dispositivo medico dal Ministero della Salute, perché in grado di ridurre le presenze batteriche negli ambienti e limitare i fenomeni di antibiotico-resistenza, proteggendo la salute dei passeggeri.

Lo scalo della Capitale si conferma così sempre all'avanguardia nella tecnologia, grazie all'istallazione di queste innovative lampadine presso il proprio Pronto Soccorso (sala accettazione, sala visita medica emergenza con tavolo operatorio, sala report visita, sala degenza pazienti).


"Questa iniziativa mi ha molto interessato, perché è per la salute dei nostri passeggeri", ha spiegato a teleborsa Antonio Catricalà, Presidente di AdR, aggiungendo "poniamo sempre il passeggero al centro della nostra attenzione, pensiamo che l’aeroporto sia un luogo in cui l’uomo, la donna o il bambino, l’anziano debbano trovarsi bene, qualsiasi sia la loro condizione fisica e anche psicologica. Rispetto a questa iniziativa, è scientificamente provato che i batteri sono stati ridotti, quindi sia nel Pronto Soccorso che nell'area medica c’è stato un risultato forte di abbattimento. In un periodo in cui si parla molto di evitare l’uso di antibiotici perché poi diventano molto resistenti, e le morti per resistenza dei batteri sono in aumento, penso che sia un buon risultato fare di queste sperimentazioni. Non è questa l’unica innovazione che stiamo portando avanti, siamo tra i più attivi sostenitori della raccolta differenziata e se è fatta bene questa raccolta è a costo zero".

Biovitae è l’unica tecnologia brevettata a Led totalmente sicura per l’uomo, grazie a una combinazione di frequenze luminose, che uccide tutti i batteri (Gram positivo e negativo, spore, muffe e funghi) e sanifica gli ambienti senza renderli sterili e senza, quindi, indebolire il sistema immunitario.


Teleborsa ha intervistato anche Mauro Pantaleo, Amministratore delegato di P&P Patents and Technologies, che ha sviluppato il brevetto. "Credo che sia una vera innovazione - ha affermato - perché sono i primi dispositivi che nello stesso tempo illuminano e sanificano. finora gli unici dispositivi di questo tipo erano i raggi UV che, come sanno tutti, non si possono usare in presenza di esseri viventi, perché sono dannosi e provocano anche tumore alla pelle, l’innovazione di Biovitae è che si tratta di una luce normale che, mentre illumina, sanifica tutti gli ambienti, prevenendo il rischio di infezione e di mutazione genetica di batteri che poi diventano resistenti agli antibiotici". "Si tratta di un brevetto molto giovane, partito un paio di anni fa ed ormai conosciuto in tutto il mondo, lo abbiamo presentato anche all’assemblea generale dell’ONU a settembre", ha sottolineato Pantaleo, aggiungendo che si stanno pianificando altre istallazioni presso aeroporti ed ospedali.

La società Aeroporti di Roma sta ora valutando le opportunità di sperimentazione anche all'interno dei Terminal e delle aree d’imbarco e sbarco dei passeggeri. L'esperienza intrapresa con Biovitae avvia così un serio cammino nella lotta alle infezioni e recepisce l’allarme lanciato dai ricercatori del progetto Pand Hub, realizzato dal VTT (Technical Research Centre) - principale centro di ricerca pubblico finlandese - in collaborazione, tra gli altri, con l’Università di Nottingham. Obiettivo finale del progetto triennale di ricerca, finanziato con 3,1 milioni di Euro di Fondi Europei, è quello di sviluppare un modello di prevenzione e un piano d'azione in caso di crisi.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.