Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 5 Dicembre 2019, ore 16.13
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Piazza Affari brilla insieme al Vecchio Continente

Segno più per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dell'1,13%

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Seduta positiva per la borsa milanese ed i listini europei nonostante la chiusura in rosso di Tokyo e Wall Street.
Deboli le indicazioni deboli provenienti dal settore manifatturiero e servizi europeo.
Riguardo all'Italia, l'Istat ha previsto una crescita del PIL nell'anno dello 0,2%, con un'accelerazione nel 2020 (+0,6%).

L'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,12%. L'Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.476,1 dollari l'oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento (+1,18%), raggiunge 56,76 dollari per barile.

Retrocede di poco lo spread, che raggiunge quota +165 punti base, mostrando un piccolo calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all'1,30%.

Tra i mercati del Vecchio Continente buona performance per Francoforte, che cresce dell'1,07%, piccoli passi in avanti per Londra, che segna un incremento marginale dello 0,23%, e sostenuta Parigi, con un discreto guadagno dell'1,18%.

Segno più per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dell'1,13%; sulla stessa linea, performance positiva per il FTSE Italia All-Share, che continua la giornata in aumento dell'1,14% rispetto alla chiusura precedente. In rialzo il FTSE Italia Mid Cap (+1,23%), come il FTSE Italia Star (1,3%).

Si distinguono a Piazza Affari i settori tecnologia (+1,92%), servizi finanziari (+1,82%) e beni per la casa (+1,71%).

In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto chimico, che riporta una flessione di -0,71%.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Banco BPM (+3,06%), Azimut (+2,71%), Atlantia (+2,57%) e Juventus (+2,23%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Nexi, che prosegue le contrattazioni a -0,79%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Maire Tecnimont (+3,42%), Banca Ifis (+2,87%), Sias (+2,75%) e Banca Generali (+2,67%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su SOL, che ottiene -0,72%.

Fiacca IREN, che mostra un piccolo decremento dello 0,64%.

Discesa modesta per Illimity Bank, che cede un piccolo -0,58%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.