Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 26 Febbraio 2020, ore 19.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bilancio Ue, da Michel ritocco al rialzo in vista del Consiglio straordinario

Entrate pari a 15 miliardi l'anno arriveranno da tassa su plastica non riciclata e Ets. Ppe: "Non tiene conto di tutte le richieste del Parlamento europeo"

Economia ·
(Teleborsa) - Adottare un tetto pari al 1,074% del Reddito Nazionale Lordo europeo, pari a 1.094,8 miliardi di euro, per il bilancio 2021-2027 dell'Unione Europea. Questa la proposta fatta dal presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in vista del Consiglio straordinario del prossimo 20 febbraio nel quale i capi di Stato e di Governo cercheranno di trovare un accordo all'unanimità.

Quella fatta da Michel è una minima correzione al rialzo rispetto alla proposta presentata dalla presidenza finlandese che si fermava all'1,07%. Una proposta, quest'ultima, che – oltre ai no incassati dai Paesi "frugali" che non vogliono andare oltre l'1% – era stata bocciata da diversi governi, compreso quello italiano, perché troppo poco ambiziosa. Michel ha proposto, inoltre, nuova tassa sulla plastica non riciclata e il rafforzamento del Sistema per lo scambio delle quote di emissione Ets. Due settori da cui, secondo la proposta del presidente del Consiglio europeo, dovrebbero arrivare nuove entrate per il bilancio Ue 2021-2027 alimentando il budget dell'Unione per 14-15 miliardi l'anno.

LA PROPOSTA DI MICHEL – Nel dettaglio la proposta di Michel prevede, nei prossimi sette anni 149,5 miliardi destinati a mercato unico, innovazione e digitale; 380,1 miliardi alla Coesione; 354 miliardi all'Agricoltura; 21,9 miliardi al capitolo migrazioni e gestione delle frontiere; a Sicurezza e Difesa 14,3 miliardi (+8 miliardi per la European Peace Facility collocati fuori dal bilancio Ue); alla politica estera dell'Ue 101,9 miliardi; e, infine, ammontano a 73,1 miliardi le risorse complessive per la pubblica amministrazione europea. Nella proposta presentata da Michel anche una ricapitalizzazione della Banca europea degli investimenti: 100 miliardi di capitale sottoscritto dagli Stati membri, di cui 10 miliardi effettivamente versati.

LE REAZIONI – Netto il no del Ppe alla proposta di Michel. "Non tiene conto di tutte le richieste del Parlamento europeo. Non possiamo accettare una simile proposta" ha affermato su Twitter il vicepresidente del Ppe, Siegfried Muresan spiegando che "non soddisfa le esigenze di ricercatori, studenti, agricoltori e sicurezza dei cittadini" e "non è nemmeno una base per i negoziati". Insoddisfatto anche il premier olandese, Mark Rutte, convinto che "l'Ue si debba concentrare meno sulle aree tradizionali come l'agricoltura e più sulle sfide principali del nostro tempo, come i cambiamenti climatici e la migrazione". Rutte ha aggiunto che "le posizioni degli Stati membri sono ancora lontane, c'è molto lavoro da fare" sottolineando che, per l'Olanda, "l'Ue deve tenere la spesa sotto stretto controllo: si devono fare scelte chiare".



(Foto: © European Union, 2004-2019)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.