Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 30 Marzo 2020, ore 21.06
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, Stati Uniti terzi al mondo per numero contagi

Superati i 300mila contagiati nel mondo. Quarantena per Angela Merkel

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Secondo il sito della Johns Hopkins University, superano quota 30 mila i casi positivi da coronavirus negli Stati Uniti, che diventa, dunque, il terzo paese al mondo per numero di contagiati, dietro Cina e Italia.

Intanto, è entrato in vigore alle 20 locali quando nel nostro Paese era l'una di notte, il provvedimento con cui il Governatore di New York Andrew Cuomo ha ordinato di non uscire di casa e di fermare tutte le attività non essenziali. La Grande Mela, la città più popolosa e più colpita degli Stati Uniti, si prepara dunque ad un lockdown senza precedenti.

E non mancano le polemiche. Il Washington Post, infatti, ha rivelato che gli 007 americani avvisarono Trump e il Congresso del rischio di una pandemia sin dall'inizio di gennaio, ma i loro allarmi caddero nel vuoto. Una pesante accusa alla quale Trump replica parlando di "vergogna" .

Intanto, la catena alberghiera Marriott, la più grande al mondo, ha messo in congedo non retribuito migliaia di dipendenti, negli Usa e all'estero. Stesse misure, persino più dure, sarebbero state adottate anche da altre catene alberghiere.

Massima allerta anche in Germania dove la Cancelliera Angela Merkel è in quarantena. Venerdì sarebbe entrata in contatto con un medico, poi risultato positivo al coronavirus, che le avrebbe fatto un vaccino anti-pneumococco. Lo ha rivelato il suo portavoce, aggiungendo che “nei prossimi giorni” si sottoporrà al test e continuerà a lavorare da casa.

L'appello di Sanchez - Giorni difficili anche in Spagna dove continuano a crescere i numeri. "I casi diagnosticati e i decessi aumenteranno nei prossimi giorni. Stanno arrivando giorni critici per i quali dobbiamo prepararci. Il rischio è ovunque, ma dobbiamo fare uno sforzo maggiore". Lo ha detto il Premier spagnolo , in un discorso alla nazione.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.