Giovedì 22 Ottobre 2020, ore 02.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Inflazione, Coldiretti: con +8% frutta allarme speculazioni nei campi

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - In controtendenza balzano i prezzi al consumo della frutta fresca che fanno segnare un aumento dell'8% ma crollano quelli pagati agli agricoltori con quotazioni che non coprono neppure i costi di produzione. E' quanto emerge da un'analisi Coldiretti sui dati Istat relativi all'inflazione a luglio che registra una spinta al rialzo dei prezzi dell'1,4% per gli alimentari, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, mentre l'andamento generale su base annua vede il Paese in deflazione (-0,4%), con una situazione che non si verificava dal giugno 2016.

"Nel carrello della spesa si rilevano aumenti anche per il pesce surgelato (+3,5%), pasta (+3,2%), zucchero (+2,7%), uova (+2,4%), carni (+2,4%), formaggi (+1,5%) e latte fresco (+1%), legati agli sconvolgimenti della domanda di un mercato che non riesce ancora a tornare alla normalità pre-covid".

"Una situazione - aggiunge Coldiretti - che ha favorito le speculazioni al ribasso nei campi e nelle stalle con il paradosso che mentre i prezzi al consumo aumentano quelli pagati agli agricoltori e agli allevatori crollano. Casi emblematici sono quelli della Puglia dove gli agricoltori che producono meloni e angurie si vedono corrispondere pochi centesimi al chilo e dell'Abruzzo dove i coltivatori del Fucino hanno addirittura deciso di donare alle famiglie più bisognose parte dei raccolti rimasti in azienda perchè sottopagati fino alla metà rispetto allo scorso anno".

Occorre dunque evitare che i comportamenti scorretti di pochi compromettano il lavoro della maggioranza degli operatori della filiera in una situazione in cui quasi 4 aziende agricole su 10 (37%) secondo l'indagine Coldiretti/Ixè hanno registrato un deciso calo dell'attività a causa degli effetti della pandemia.

"Alle speculazioni si sommano peraltro gli effetti del clima impazzito - rileva Coldiretti - con il moltiplicarsi di eventi estremi come caldo torrido, gelo, grandine, nubifragi e siccità che compromettono le produzioni di frutta e verdura provocando la perdita del lavoro di un intero anno in molte aziende agricole".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.