Facebook Pixel
Venerdì 30 Settembre 2022, ore 19.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

TIM rivede al rialzo guidance EBITDA. Prosegue contenimento costi

Finanza, Telecomunicazioni ·
(Teleborsa) - TIM ha registrato ricavi pari a 7.557 milioni di euro nel primo semestre 2022, +0,2% rispetto al primo semestre 2021 (7.543 milioni di euro). I ricavi del secondo trimestre 2022 ammontano a 3.913 milioni di euro (3.815 milioni di euro nel secondo trimestre 2021). L'EBITDA del gruppo del primo semestre 2022 è pari a 2.658 milioni di euro (2.753 milioni di euro nel primo semestre 2021, -3,5% in termini reported, -10,8% in termini organici). L'EBITDA sconta oneri netti non ricorrenti per complessivi 292 milioni di euro principalmente connessi a costi del personale, processi di riorganizzazione e sviluppo di progetti non ricorrenti.

Il risultato netto del primo semestre 2022 attribuibile ai soci della controllante registra una perdita di -483 milioni di euro (-149 milioni di euro nel primo semestre 2021); escludendo l'impatto delle partite non ricorrenti il risultato netto del primo semestre 2022 è pari a -196 milioni di euro (nel primo semestre 2021 era positivo per 195 milioni di euro).

Alla luce dei trend operativi del primo semestre, TIM ha rivisto al rialzo alcuni target per l'intero esercizio 2022: EBITDA organico di Gruppo a "high single digit decrease" da "low teens decrease"; EBITDA AL di Gruppo a "low teens decrease" da "mid to high teens decrease".



L'Indebitamento Finanziario Netto rettificato ammonta a 24.654 milioni di euro al 30 giugno 2022, in aumento di 2.467 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2021 (22.187 milioni di euro). Nonostante un positivo flusso di cassa, l'incremento è ascrivibile all'acquisizione in Brasile delle attività mobili del gruppo Oi per complessivi 1.741 milioni di euro, al fabbisogno correlato agli impegni per le acquisizioni di frequenze di telecomunicazioni in Brasile e in Italia (469 milioni di euro) e all'impatto di rinegoziazioni di contratti di lease IFRS16.

Il contenimento dei costi

In Italia TIM ha confermato la strategia di posizionamento premium, "Value vs. Volume’" anche nel secondo trimestre, limitando al massimo le attività promozionali sia nel fisso sia nel mobile, nonostante il difficile contesto competitivo e l'assenza del piano voucher per i clienti Consumer che aveva avuto un impatto positivo sulle performance nello stesso periodo dell'anno scorso.

Sempre nella Business Unit Domestic, nel corso del trimestre è proseguito il contenimento dei costi attraverso il Piano di Trasformazione, un insieme di azioni volte ad aumentare il livello di efficienza strutturale di TIM. Nel primo semestre, la riduzione dei costi operativi rispetto ad un andamento inerziale è stata pari a circa 200 milioni di euro, il 70% circa del target fissato per il 2022.

La crescita in Brasile

TIM Brasil ha registrato nel semestre ricavi da servizi in crescita del 15,2% e un EBITDA in aumento dell'11,8%. Nel secondo trimestre c’è stata in particolare una forte accelerazione nella crescita dei ricavi da servizi (+21,9% YoY), dell'EBITDA (+18,2% YoY) e della generazione di cassa operativa (EBITDA-Capex, +19,9% YoY) grazie a una solida performance organica e al contributo, a partire da maggio, degli asset mobili di Oi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.